donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Vittoria a marce bassissime, ad Anfield è 2-0

 

Il Guard of Honour dell’Aston Villa

 

Dopo la brutta sconfitta di Manchester, i Campioni del Liverpool tornano ad Anfield per ospitare l’Aston Villa. Klopp vuole una reazione dalla sua squadra, e rispetto a giovedì sera mette dentro Keita, Oxlade-Chamberlain e Origi al posto di Henderson, Wijnaldum e Firmino. I Villans dal canto loro sono alla disperata ricerca di punti salvezza, guidati soprattutto dal loro uomo di maggior talento Grealish e dall’ex di turno Pepe Reina, e non hanno intenzione di fare da vittima sacrificale. Prima del fischio d’inizio, altro Guard of Honour per i Reds, che vengono accolti in campo dagli applausi degli avversari odierni.

Mané apre una partita bloccata

Nel primo tempo per la verità non c’è molto da raccontare. I ritmi sono bassi, tra un Liverpool ovviamente a corto di motivazioni a parte i vari record statistici da battere, e un Aston Villa con un atteggiamento prudente e pronto a colpire perlopiù in contropiede. Gli unici due tiri in porta sono di Douglas Luiz da un lato e Salah dall’altro, ma nessuno dei due crea particolari problemi ai due portieri.

Nella ripresa il Liverpool prova ad accelerare un po’ i ritmi, ma senza riuscire a sfondare. I Villans sono sempre in partita, e allora provano anche loro a farsi vedere pericolosamente dalle parti di Alisson, che è attento soprattutto su un rasoterra di El Ghazi. Klopp a questo punto prova a cambiare le carte in tavola e all’ora di gioco manda dentro i tre precedentemente risparmiati al posto di Fabinho, Origi e Oxlade-Chamberlain. A 20 minuti dalla fine finalmente la partita si sblocca: Alexander-Arnold passa a Keita in area, il guineano vede e serve in mezzo di Mané, che si inserisce e batte Reina con un tiro che sbatte sulla traversa ed entra in rete, 1-0. Finalmente i Reds sembrano prendere vita, e poco dopo è Firmino dal limite dell’area ad andare vicino al raddoppio, ma Reina è bravo a salvare in angolo. A cinque minuti c’è spazio anche per Curtis Jones, che trova subito modo di rendersi protagonista: cross dalla sinistra di Robertson, sponda di testa di Salah e conclusione al volo proprio di Jones, che fa 2-0 e festeggia il fresco rinnovo di contratto con il suo primo gol in Premier League.

Curtis Jones entra e segna subito

Non ci sono più emozioni, in una partita che in realtà di emozioni ne ha regalate poche, e finisce così 2-0 per il Liverpool. Per i Reds è la 24esima vittoria consecutiva in campionato ad Anfield, mentre i punti sono ora 89. In attesa di veder sollevare il trofeo con la corona a capitan Henderson, non resta che vedere se riuscirà anche l’assalto al record dei 100 punti.

 

di Walter Randazzo

 

 

Comments

comments