donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

TROPPI SPRECHI, BEFFA PREVEDIBILE

 

Un’altra vittoria sfumata nel finale

 

Dopo il pandemonio Superlega, si torna a parlare di campionato. Il Liverpool dopo il pareggio di Leeds deve riprendere la marcia per cercare di agguantare il quarto posto per la qualificazione Champions, visto che a quanto pare una Champions ci sarà. Klopp deve fare ancora a meno di Phillips, per cui accanto a Kabak ci sarà di nuovo Fabinho al centro della difesa. A centrocampo Thiago e Wijnaldum, mentre in avanti spazio a tutti i vari Salah, Mané, Jota e Firmino, per una squadra fortemente a trazione anteriore. Il Newcastle di Bruce invece si schiera come sempre in modo più accorto, con una difesa a 5 e affidandosi in avanti a Joelinton e soprattutto all’estro di Saint-Maximin.

 

Salah sblocca subito la partita

 

Il Liverpool parte forte e al terzo minuto trova subito il gol: cross dalla sinistra di Mané per Firmino, si alza un campanile a centro area che Salah controlla e in girata fulmina Dubravka per il gol del 1-0. Al ventesimo prima grande occasione per il Newcastle con Longstaff, che viene perso completamente dalla difesa e si ritrova davanti Alisson, ma il portiere brasiliano sventa la minaccia. Sugli sviluppi del successivo corner gli ospiti segnano, ma il gol è subito annullato per fallo in attacco (ed anche fuorigioco). Subito dopo è Jota ad avere un paio di mezze chance: prima calcia alto da fuori area, poi da dentro l’area centra lo specchio ma il tiro è centrale e non crea problemi a Dubravka. I padroni di casa però sono un po’ imprecisi col pallone tra i piedi e rischiano in un paio di occasioni di lanciare dei pericolosi contropiedi, che però non danno esito. I Reds tornano a premere e hanno un’altra occasione con Mané, ben servito da Salah, ma il cui tiro deviato termina a lato. Alla mezz’ora enorme occasione per il 2-0: il Newcastle prova a costruire dal basso ma Clark regala il pallone a Mané, il rimpallo favorisce Jota, che però anzichè centrare il bersaglio spara fuori. Al 35′ altra occasione colossale stavolta per Salah, che viene lanciato da Firmino solo davanti al portiere, ma al momento decisivo gli calcia addosso. Il Liverpool nonostante non sia brillantissimo, continua comunque a creare occasioni, ma non chiude la partita. Anche Mané intanto entra nel club dei gol mangiati, incartandosi da solo davanti al portiere dopo aver ricevuto un assist comodo comodo da Salah. Sul finire del primo tempo il senegalese ha un’altra occasione su cross di Alexander-Arnold, ma il tiro termina a lato. Si chiude così solo 1-0 un primo tempo dove il Liverpool poteva stare comodamente già 3 o 4-0, rimanendo così a rischio beffa.

 

Il pareggio di Willock

 

Nel secondo tempo parte meglio il Newcastle, soprattutto con Joelinton, ma Alisson è bravo a salvare tutto in un paio di occasioni. Poi è Firmino ad avere l’occasione del 2-0, ma anche qui Dubravka para con le gambe. Al 64′ tocca a Robertson provarci dalla distanza, e il pallone non esce di molto. Al 72′ altra chance per Salah in area, ma colpisce male sull’esterno della rete. Le occasioni sbagliate ormai sono troppe, ma la partita è ancora in bilico. Il Liverpool comincia a spegnersi, mentre il Newcastle ovviamente prende coraggio e si butta in avanti in cerca del pareggio. Pareggio che arriva: al 92′ Saint-Maximin serve Wilson sul filo del fuorigioco, Alisson interviene ma il rimpallo favorisce l’attaccante che ribadisce in rete. Doccia fredda e 1-1. Invece no, VAR e gol annullato perché il pallone è carambolato sul braccio di Wilson. Quando la beffa sembrava ormai essersi concretizzata, il peggio sembra passato. Invece no. Non contenti di essersi salvati con questo colpo di fortuna, gli uomini di Klopp riescono comunque a confezionare la frittata. Al 95′ pallone buttato in mezzo, sponda di Gayle e Willock stavolta fa 1-1, che è anche il risultato finale.

Dopo aver sprecato l’impossibile, il pareggio era una conclusione quasi scontata. È arrivato nonostante stavolta il VAR fosse arrivato in aiuto, ed è a questo punto un pareggio che riduce al lumicino le residue speranze di andare in Champions League l’anno prossimo.

 

di Walter Randazzo

Comments

comments