donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

The LiverMonth review: Luglio 2012

di Matteo Paradiso

Borini al suo esordio a Baltimora contro il Tottenham

Parte oggi una nuova rubrica, che verrà tenuta dal sottoscritto, in cui cercheremo di tirare le somme, da un po’ tutti i punti di vista, sul mese appena trascorso. Parleremo degli aspetti calcistici e di quelli extracalcistici, del lato tecnico, delle dichiarazioni rilasciate da questo piuttosto che da quel giocatore o dirigente, delle novità riguardanti la tifoseria, dei vari rumours che si susseguiranno, insomma di un po’ tutto quello che ha a che fare con l’universo Liverpool.

Fatta questa premessa, partiamo dunque. Luglio è stato piuttosto avaro di spunti per la verità, da un po’ tutti i punti di vista. Se dal punto di vista del mercato abbiamo fino ad ora assistito solo a qualche movimento in uscita (Maxi è tornato alla sua casa madre, il Newell’s Old Boys in Argentina, Fabio Aurelio lo ha imitato rimpinguando le fila del Gremio mentre Kuyt si misurerà nella Super Lig turca con la maglia del  Fenerbahce, in bocca al lupo a tutti e tre) oltre all’acquisto di Borini dalla Roma, e a tante ma tante chiacchiere, dal punto di vista strettamente tecnico abbiamo assistito a tre amichevoli in terra Nordamericana, nelle quali si sono visti pochi titolari, a sprazzi e mai tutti insieme, mentre invece ampio spazio hanno avuto riserve e giovani.

Dal punto di vista tecnico le amichevoli hanno offerto ben poco, e fatto intravvedere ancora meno. Si è infatti trattato delle classiche sgambatelle estive, fatte ad hoc per mettere in mostra potenziali partenti e per far fare un po’ di fiato a quelli che poi faranno parte del gruppo definitivo che affronterà la stagione. Infatti il pareggio per 1-1 contro il Toronto dell’ex gloria della nazionale inglese Paul Mariner, la sconfitta per 2-1 contro la Roma e il pareggio a reti bianche contro il Tottenham poco di nuovo ci hanno detto, perlomeno riguardo la situazione di coloro che maggiormente hanno calcato il campo in questi tre incontri. La tournee americana ci consegna un Cole tornato dal prestito al Lille che per dire la verità è straordinariamente simile a come molti di noi se lo ricordano, ovvero con lampi di genialità che rimangono però troppo isolati in un oceano di nulla, tanto che la sua presenza spesso si può definire evanescente. Vero è che a lui come a tutti gli altri vanno riconosciute le attenuanti del caso, leggasi le gambe che ora sicuramente non ci sono, tuttavia nonostante ciò personalmente fatico a vedere un futuro nel Liverpool per questa eterna promessa mai sbocciata del tutto. Ulteriore aggravante la sua intervista rilasciata al Sun (da tifoso preferirei che un giocatore del mio team non consideri neanche le domande degli straccivendoli che scrivono su quella specie di grande rotolo di carta igienica usata imbevuta di inchiostro). Il discorso dell’altro rientrante, Aquilani, è purtroppo piuttosto simile. Il romano infatti seppur mostrando molta più consistenza di Cole, e pur dando l’impressione di poter davvero incidere, perlomeno potenzialmente, positivamente nel gioco e nella stagione del Liverpool di Rodgers e di poter trovare una collocazione nello scacchiere tattico, risulta tuttavia in maniera piuttosto evidente ampiamente svogliato e demotivato, nonostante le sue dichiarazioni alla stampa, e le parole di Zavaglia, suo agente, vadano in tutt’altra direzione (ma si sa, il calciomercato non è diventato altro che un delicato gioco delle parti, commedia del ridicolo che purtroppo ben raffigura quello che oggi è il calcio moderno). Difficile quindi che il “principino” avrà un’altra chance a Liverpool, se Pradè riuscirà a risolvere lo scoglio dell’ingaggio (100,000 sterline a settimana), probabilmente Aquilani partirà alla volta di Firenze una volta per tutte portando in dote, a quanto si dice, circa 7 milioni di Pounds. Altro giocatore che pare piuttosto sulla graticola è Charlie Adam: lo scozzese infatti lo scorso anno non ha reso come ci si aspettava, e sembra che Brendan Rodgers ne possa considerare il futuro in qualche modo. Da come è stato impiegato nelle tre partite sopra citate emerge infatti che Adam, che di sicuro non è il metronomo basso di cui Rodgers ha bisogno, scarsamente possa prestarsi anche a un ruolo nei tre là davanti, così come anche come riserva di Stevie G in quanto come incursore è probabilmente troppo statico per quelle che sono le necessità del tecnico nordirlandese: la difficile collocabilità tattica di Adam unita con la non entusiasmante performance della scorsa stagione potrebbero costare il posto allo scozzese, anche se non è detto, ma staremo a vedere. Motivi per sorridere però i tifosi Reds possono averne: se infatti da quel poco che si è visto da questi sprazzi di football estivo (o volendo bestemmiare, soccer come lo chiamano gli yankees), sorprese in positivo su giocatori che già molti di noi ritengono al capolinea non ve ne sono state, vero è che la tournee d’oltremanica ci consegna la certezza che, almeno in teoria, per il futuro si può ben sperare. Moltissimi infatti i giovani Made in Accademy esposti in vetrina nel precampionato. A parte i rodati Flanagan, Spearing e Robinson, abbiamo infatti visto uno Sterling che si conferma autentica Starlet del futuro Liverpool, un Suso che ha numeri da potenziale campione, più altri ragazzi decisamente interessanti quali Morgan e Ibe (anche se quest’ultimo è tremendamente acerbo), nonché un buon Sama in difesa. Mi rammarico di non aver potuto vedere Coady, forse insieme a Sterling Suso e Morgan il giovane più interessante e più pronto, ma oltre a ciò lasciatemi esprimere tutto il mio elogio per un buonissimo Shelvey, giocatore che sta crescendo a vista d’occhio e che secondo me è da tenere seriamente in considerazione quest’anno, e credo che BR se ne sia accorto. Ottimo anche il ritorno di Lucas, con due mesi di anticipo sulla tabella di marcia. Eccleston purtroppo non si mostra all’altezza e va subito inviato per la sua strada, Adorjan opaco andrebbe valutato meglio, Wisdom è ancora tremendamente giovane mentre Wilson, in mancanza di meglio, potrebbe giocarsela con Robinson nel fare la riserva di Enrique, il che al sottoscritto, in mancanza di meglio non dispiacerebbe poi troppo.

Concluso il capitolo sulla tournee estiva, un breve accenno sul calcio mercato. Detto dei movimenti (esigui) che il mese di luglio ha registrato, facciamo il punto sulle voci che, più o meno attendibili, si stanno susseguendo in questi giorni. In uscita, a parte la telenovela Carroll che temo non vedrà molto presto la sua conclusione, sono diverse le voci che in queste ore si accavallano. Il gigante di Newcastle è stato associato più volte proprio alla compagine del Tyneside, destinazione a quanto pare a lui gradita qualora non dovesse rimanere (e pare che la sua volontà primaria sia proprio quella di restare), ma non altrettanto gradito il suo ritorno sarebbe per i tifosi dei Magpies, che in un recente sondaggio si sono espressi contro questa eventualità. Il West Ham sembrava aver raggiunto un accordo con la dirigenza dei Reds nelle ultime ore, secondo quanto riportato da fonti attendibili (BBC e SkySport), ma la società ha prontamente smentito tutto. Adam o, notizia di queste ultime ore, Downing potrebbero essere inseriti nella trattativa che conduce a Dempsey, con l’americano del Fulham che si è eclatantemente rifiutato di partire per la tournee estiva della squadra nordlondinese proprietaria del suo cartellino. Se così fosse, è segno che i due non sono evidentemente graditi a BR e la sensazione è che potrebbero comunque essere ceduti. Detto già della situazione di Aquilani, altri rumours riguardano i due centrali difensivi titolari, entrambi sotto le mire degli sceicchi del City, con Agger fatto oggetto delle morbose attenzioni anche del Barça e, a quanto pare, del Real. Confido nell’amore che lo scandinavo prova per la nostra maglia, perderlo sarebbe un colpo tremendo da tutti i punti di vista. Su Skrtel l’impressione è che stia più che altro tirando per le lunghe il prolungamento del contratto per ottenere qualcosa di meglio, e che l’interessamento del City sia una mera classica azione di disturbo. In entrata, Allen potrebbe essere sottoposto a visite mediche dopo la fine dell’avventura Olimpica della nazionale britannica, stando a quanto riportano più fonti, nonostante il disturbo insistente del solito Tottenham, le cui strategie di mercato ormai ricalcano talmente quelle del Liverpool da rasentare il ridicolo. Con l’acquisto probabile di Allen, e l’arrivo di uno tra Dempsey e (molto improbabile) Walcott, oltre che di un secondo portiere (in uscita infatti Doni e Jones, e come terzo verrà tenuto l’ungherese Gulacsi), il mercato Reds, a meno di cessioni, potrebbe chiudersi qui.

Un accenno quindi a come potrebbe configurarsi la rosa del Liverpool 2013. Discorso portiere a parte (purtroppo), sperando che la difesa non faccia registrare variazioni di sorta (e che dunque Skrtel e Agger vengano trattenuti), in quel reparto, con la crescita di Coates, Carra da tenere solo in caso di necessità e il probabile inserimento di Coady nonché anche il possibile impiego di Kelly siamo coperti. Anche le fasce laterali non necessitano di interventi, con i terzini destri che si sprecano e a sinistra oltre ad Enrique la possibilità di schierare Agger, o Robinson o Wilson. A centrocampo, l’arrivo di Allen configurerebbe eventualmente un trio titolare Gerro-Allen-Lucas (a mio modestissimo parere di tutto rispetto), con il metronomo basso (Allen, sperando che non sia un flop), il mediano e l’incursore, peraltro tutti (a parte forse Allen) sostituibili da riserve comunque di tutto rispetto, quali Spearing, Henderson e soprattutto Shelvey, oltre ad Adam qualora dovesse restare (data per certa la partenza di Aquilani). Dove bisognerà fare ordine è nel reparto offensivo, con Cole che come ripeto fatico ad inquadrare, Suarez e Borini potrebbero essere affiancati da un Downing in cerca di riscatto (e che ripeto, datemi del pazzo ma non ha sfigurato secondo me lo scorso anno, perlomeno non più di molti altri), da Bellamy (che deve essere sempre utilizzato con cautela) e con il grande punto interrogativo che riguarda Carroll. La netta sensazione è che a prescindere dalla permanenza di Andy un altro arrivo in questo reparto, sia esso Dempsey, Ramirez o Walcott ci sarà, e potrebbero essere addirittura 2 se partisse Carroll. Scelta saggia? Personalmente direi di no, ma non sono un tecnico di Premier League e auspico che BR sappia quello che fa. Se non vede proprio Carroll nel suo undici, tanto vale cederlo per far spazio a un giocatore più consono al suo modo di mettere in campo la squadra, che potrebbe essere appunto un Ramirez ad esempio (le cui voci al riguardo si stanno paurosamente alzando ultimamente). Tutto ciò al netto degli auspicabili inserimenti in prima squadra di Sterling, Suso e Morgan (Rodgers ha fiducia nei giovani e lo ha ribadito anche in una recente intervista, perciò probabile che i 3 avranno un ruolo, speriamo abbastanza di rilievo, nella stagione che verrà).

Insomma, a poco più di due settimane dall’inizio della EPL ancora tantissimi sono gli interrogativi. Staremo a vedere, sicuramente il mese di agosto, con l’inizio della Premier, dell’Europa League e (finalmente!) la fine del calcio mercato sarà molto più denso di avvenimenti di questo luglio sonnacchioso. Buone vacanze a tutti!

YNWA

Comments

comments

19 risposte a The LiverMonth review: Luglio 2012

  • Bello e simpatico il titolo che ci terrà compagnia per tutta la stagione, per il resto quanto scrive e come lo fà mi attestano, ancora una volta, anche se personalmente non avevo dubbi al riguardo, che ho fatto bene ad affidare questa mia iniziativa / novità a Matteo Dr. Paradiso.
    Complimenti, gran bell’articolo !! E, se mi posso permettere, quelle personalizzazioni sono la ciliegina sulla torta.

  • Grazie Paul..è sempre molto gratificante ricevere complimenti, in particolar modo da te 😉

  • Ottima iniziativa.

  • Matthew bella iniziativa.
    Devo dire che le Tue considerazioni, che condivido, sono preoccupanti:
    1)tournée che ha dato pochi spunti interessanti;
    2)mercato a due settimane dall’inizio del campionato quasi fermo.
    Mi sembra che siamo ancora in alto mare.
    Credo sia il caso di darsi una mossa e cercare di avvicinarsi alla costa prima che arrivi la tempesta!
    Colgo anche l’occasione di ringraziare per la sciarpa: FANTASTICA!!!!!

  • Vabbè, le turnèe lasciano il tempo che trovano. Partite di pre-season dove giocano tutte le formazioni, tranne quella titolare.

    Però concordo sul mercato, la situazione sta cominciando a preoccupare.

  • intanto Suso fa doppietta in un’ amichevole delle riserve contro l’ Huddersfield mi pare di ricordare; questo è forte, mi fa ben sperare per il futuro, anche se ho letto da qualche parte che sembrerebbe non inserito nella lista dell’ Europa League (ma bisogna già dare una lista che voi sappiate?).

  • La lista è solo per le qualificazioni, poi nei tempi prescritti dalla Uefa si fornirà quella ufficiale.

    Un salutone a Ronny che non vedo e sento da una vita!!!!

  • Uruguay fuori dalle Olimpiadi, Suarez torna ad Anfield prima del previsto!

    Allen fin’ora uno dei migliori nella formazione della Gran Bretagna, speriamo di portarcelo a casa.. Ramirez mi garba parecchio, lì davanti con Suarez e Borini non sarebbe affatto male!

    A centrocampo non tappiamo le ali a Shelvey, il ragazzo ha grandi qualità, potrebbe essere il suo anno, buttiamolo nella mischia! Gerrard prenderebbe il posto di Xabi Alonso in cabina di regia e Shelvey quello del capitano negli inserimenti, che ne dite?

  • Shelvey in prestito per un anno piu’ soldi e’ una delle possibilita’ di transazione per avere Allen:

  • “Joe Allen (22) è vicinissimo all’approdo al Liverpool. Al giocatore è stato dato il permesso dallo Swansea a trattare con i Reds il mese scorso e anche l’accordo fra i due club sembra quasi cosa fatta (12,5 milioni di sterline più il prestito di Jonjo Shelvey)”

    Voldemort(aka Shelvey) preferirei averlo a disposizione, ma un anno di prestito in PL può farli solo bene(probabilmente giocherà titolare nello Swansea).

    Dai BR, portaci Allen.

  • Paolo Cerioli (K.K.K.): Un salutone a Ronny che non vedo e sento da una vita!!!!

    vero Paolo, nemmeno fossimo a chissà quanti km di distanza…passate le ferie magari organizziamo qualcosa.

    Ho visto GB – Uruguay ieri sera, faccio un paio di considerazioni:
    1. Bellamy non so se è gasato dall’ essere capitano o che altro ma sta facendo una super olimpiade, spero vivamente che resti da noi e mantenga una qualche briciola di energia;
    2. Coates molto bene ieri sera, come compagno di reparto aveva un tale con mobilità paragonabile a quella di Mauricio Pellegrino visto ad Anfield, però il nostro ha fatto il suo e mi è piaciuto particolarmente nell’ impostazione iniziale dell’ azione, degno di Danielone Agger;
    3. Suarez come sempre non lo capisci, crea dal nulla azioni pericolose che poi riesce a fallire in modo assurdo, tra l’ altro è riuscito a “discutere” anche con Bellamy;
    4. Joe Allen da prendere e portare subito ad Anfield, questo ha 22 anni, potenzialmente può diventare un piccolo Xabi Alonso.

  • Sono d’accordo con Gennaro, inoltre aggiungo che Borini e Suarez, pur essendo 2 ottimi giocatori, non sono 2 bomber, perciò ci vuole una punta vera, un bomber. Se non abbiamo intenzione di spendere soldi per comprarlo, allora teniamoci Carroll.

  • Stasera ore 20.00 streaming obbligato.

  • Paolo Cerioli (K.K.K.): Stasera ore 20.00 streaming obbligato

    hai qualche sito?

  • Di solito uso questo http://livetv.ru/it

    Registrati per poter accedere al servizio (non è pericoloso ed è immediata la risposta via mail) per l’attivazione.

    Troverai svariati link, quelli con la percentuale più alta danno una visione migliore.

  • Allen: Confermata l’offerta di 12,5 mil. di pound + Shelvey in prestito – Daily Post – .

  • Rodgers sta facendo la maggior pulizia possibile tra la sua rosa con Andy Carroll, Alberto Aquilani, Brad Jones e Daniel Pacheco quali possibili partenti.

    Lo stesso ha riferito che in accordo con la proprietà è vicino alla firma di quattro elementi.

  • 700 presenza del CAPITANO Jamie Carragher con la maglia dei Reds che stasera porterà anche la fascia di Capitano appunto!!

    700 volte Grazie Jamie!!

  • Intanto Downing è il primo marcatore della stagione. 1 a 0 al 70^.

    http://www8.livetv.ru/webplayer.php?t=sopcast&c=122061&serv=broker.sopcast.com:3912&lang=it&eid=128612&lid=14301&ci=265&si=1

    P.S.: serve sopcast.