donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Sconfitta nella Next Gen Series

di Giorgio Capodaglio

Azione di gioco fotografata da www.inter.it

Prende il via l’avventura in Next Generation del Liverpool. I Reds affrontano a Meda i campioni in carica dell’Inter, che nella passata stagione conquistò il torneo, allenata da Stramaccioni, in finale contro l’Ajax (i lancieri in semifinale avevano eliminato proprio il Liverpool). Un girone ostico per la squadra di Borrell, dal momento che vede coinvolte anche Borussia Dortmund e Rosenborg. La cosa peggiore per il tecnico spagnolo è che questa competizione è per gli Under 19, così è costretto a fare a meno di molti dei suoi calciatori che con l’Under 21 prendono parte alla Premier League. Tanti quindi i giovani dell’Under 18 che sono stati chiamati, anche perché alcune stelle della squadra sono state convocate da Rodgers per la sfida di Europa League contro lo Young Boys. Contro i nerazzurri scende in campo questo inedito undici, nel quale ci sono solo quattro giocatori del recente 1-4 sul campo del Chelsea: Belford; McLaughlin, Sama, Jones, Smith; Baio, Roddan; Ibe, Adorjan, Pelosi; Sinclair. A disp.: Heaton, Peterson, Fulton, Trickett-Smith, Maguire, Gainford, Lussey.

Il nome del centro sportivo, dedicato a Giacinto Facchetti, riporta tutti gli innamorati a quella doppia sfida degli anni sessanta, quando nacque il mito della Kop negli incontri europei. Non può mancare naturalmente una rappresentanza dell’Italian Branch, che non fa camminare da soli i giovani Reds. Al quarto d’ora di gioco l’Inter passa subito in vantaggio, quando su un lancio da metà campo la difesa del Liverpool si fa trovare impreparata, in particolar modo con Jones che si lascia scavalcare dal pallone, facendo così scappare Forte che con un tiro perfetto insacca. È 1-0. I Reds trovano però presto il pareggio, quando su azione creata da Ibe e Baio, la sfera termina a Sinclair che viene abbattuto in area. Sul dischetto si presenta Adorjan, che è freddo come sempre, 1-1. Incredibile quanto questo ragazzo sia migliorato dopo aver passato l’intero ritiro agli ordini di Rodgers nel corso dell’estate. Al 39’ però i campioni d’Italia e d’Europa ritrovano il vantaggio, quando Sama scivola, Forte se ne va sulla linea di fondo e mette un perfetto rasoterra sul secondo palo che Belloni deve solo spingere in rete. Si va così al riposo sul 2-1 per i nerazzurri, che hanno comunque mostrato di tenere meglio il campo.

Nella ripresa il match si mantiene equilibrato, con il Liverpool che si fa vedere in avanti e sfiora anche il pari. All’80’ però i nerazzurri chiudono il match quando Duncan se ne va via in mezzo a due al limite dell’area e serve un pallone filtrante per Garritano, che batte Belford. È il 3-1, risultato forse troppo severo per i piccoli Reds. In contropiede Benassi ha il pallone per il quarto gol, ma spara malamente alto. A pochi secondi dal novantesimo però Ibe con una bella azione si conquista una punizione dal limite dell’area. Sul pallone va come sempre Adorjan, che con un tiro a scavalcare la barriera batte Dalle Vedova per il 3-2. Non c’è più tempo, la squadra di Borrell parte quindi con una sconfitta.

Al termine della gara diventano protagonisti i membri del nostro Branch presenti a sostenere i ragazzi. Infatti mentre la squadra era ancora in campo agli ordini di Borrell per una solta di corsa defatigante, loro continuavano a far partire cori e applausi per i giocatori. Così al termine dell’allenamento è stato proprio il tecnico spagnolo, al quale vanno i ringraziamenti di tutti noi, a dire ai suoi ragazzi di andare verso i presenti. Un momento molto bello per chi ha rappresentato l’Italian Branch, presente col suo striscione, che ha potuto così salutare i ragazzi e fare anche alcune foto. Per i giovani Reds scoprire tanta passione anche all’estero può essere soltanto qualcosa di estremamente piacevole, perché sanno di non essere mai soli.

 

Comments

comments

2 risposte a Sconfitta nella Next Gen Series