donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Red Shivers

Nunzio Koprule Esposito

Udine, ore 19, il momento della verità è giunto: il Liverpool non può fallire una qualificazione che poteva tranquillamente raggiungere con almeno 2 turni di anticipo. Rodgers schiera il seguente starting eleven: Reina tra i pali, Johnson ed Enrique terzini di fascia con Carra e Skrtel centrali, mediana con Allen e Sahin a tenere le redini, Henderson e Downing laterali e Suso a supporto di Suarez. Non è il classico turn over, complice la squalifica di Suarez che lo costringerà a saltare la sfida di domenica all’Upton Park Brendan Rodgers schiera una parvenza di prima squadra.

Il Liverpool nei primi minuti mantiene il possesso palla, ma la prima azione pericolosa è dei friulani con Armero che mette un bel pallone al centro dalla sinistra, girata di testa di Ranegie, di poco al lato. All’undicesimo una gomitata dello stesso Ranegie costringe Sahin a lasciare il campo di gioco , Brendan senza esitare butta JonJo nella mischia. Pochi minuti ed ancora un brutto fallo di Fabrini su Shelvey, ammonizione sacrosanta. Minuto 18, sempre dalla sinistra Pereira tenta di sorprendere Reina con un pallonetto ben calibrato, ma l’estremo difensore è attento e con un colpo di reni devia la palla sopra la traversa. Minuto 22, quando meno te lo aspetti arriva il gol: Downing batte un corner dalla sinistra, testa di Suarez, palla che finisce a Suso lo spagnolo da posizione defilata appoggia saggiamente all’indietro per Hendo che con un piattone destro mette la palla in rete. Un dolce torpore avvolge la travelling kop ed i nostri ragazzi dell’Italian Branch saliti ad Udine per sostenere il Pool. Minuto 26, dopo una serie di passaggi veloci, la palla giunge a Downing che non riesce a rientrare dall’offside e viene giustamente fermato dal fischio arbitrale che annulla il tap in rete di Glen Johnson. Minuto 33, Fabrini recupera un pallone con caparbietà ed approfittando dell’eccessiva morbidezza di Hendo e Carra fa partire un tiro secco, ma centrale, blocca Reina. Shelvey al 41 mette al centro proprio sulla testa di Suso che colpisce malissimo e spreca. Minuto 43, bella ripartenza con Suso che serve sulla destra l’accorrente Suarez, alto sulla traversa. L’occasione migliore arriva proprio in chiusura di primo tempo: angolo di Shelvey, la palla viene toccata in qualche modo da Johnson ed arriva a Suarez che con una bellissima e pronta rovesciata impegna Padelli. Si chiude il primo tempo con i Reds in crescendo ed in vantaggio.

All’inizio della ripresa abbiamo subito la grande chance per chiudere il match: Suarez serve Suso che solo in area tira malamente fuori gettando al vento un’occasione colossale. Il nostro destino è quello di soffrire fino in fondo!!! Minuto 59, Armero fa tunnel a Johnson e mette pericolasamente al centro, salva Skrtel in corner, sull’angolo svetta Ranegie, brivido per i Reds. Minuto 64, bellissimo cross dalla sinistra di Shelvey piattone al volo di Hendo ed ottimo intervento di Padelli. Le occasioni fioccano, Downing a Suarez che in area dopo aver dribblato 2 difensori si vede respingere il tiro da Padelli che in modo naturale si erige a Superman di turno … pazzesco. Minuto 78 espulso Pasquale per doppia ammonizione, per un fallo su Sterling. La partita sembra ormai finita, ma proprio all’ultimo secondo Danilo serve una  palla d’oro a Di Natale … fortunatamente il Totò nazionale scarica un destro che si perde di poco alto sulla traversa inutile sottolineare che rischia di provocare un infarto ai tanti tifosi Reds accorsi al Friuli. Il fischio finale arriva come una liberazione, anche questa è andata … Walk On!!!

Nunzio Koprule Esposito

Comments

comments

9 risposte a Red Shivers

  • …il destino,boss e’sempre eternamente in agguato…se chiudo gli occhi,magari,penso che quel gol degli young boys nel finale,che relega i sovietici al posto d’onore e ci issa in cima al girone,e’come la quadratura di un cerchio datato 21 ottobre di un paio di stagioni passate…ricordi,boss?…occhi lucidi mentre, nel san paolo gremito come un formicaio maglie rosse accendevano la sera ed i nostri occhi di bambini,solo per quel poco,e di fronte a noi vessilli infiammati dal medesimo rosso nella brezza ancora estiva di una napoli tenacemente aggrappata all’estate si muovevano pigri…ricordi?…la bocca secca,i lucciconi mentre i “ragazzini” del pool salivano le scale del sottopassaggio dove careca e maradona avevano fatto fremere perfino l’erba e dove savoldi,clerici,krol e cane’ avevano tante e tante volte avvicinato la nostra passione a quel triangolino tricolore…ricordi?,quando 24 ore prima,dentro il ventre del “nostro”stadio,eravamo li,con carra seduto di fronte a noi,e tu avevi tra le mani quella ridicola macchina fotografica con la quale fiero,in mezzo ad un nugolo di addetti ai lavori,immortalavi un istante eterno…quel gol segnato nella berna innevata non puo’non accendere l’interruttore della mia fantasia,e farmi volare su su fino nel cielo immenso della fiaba….non posso non pensare che,quel gol segnato mentre ynwa saliva nella gelida notte di udine e di natale si divorava il pareggio,possa significare un tuffo ancora solo una volta dentro una storia iniziata 35 e passa anni fa per tutti e due…sarebbe,se si realizzasse quel “se”che io a bassa voce sussurro,incredibilmente,terribilmente,pazzescamente bello……………………………

  • Nunzio, nella sua infinita saggezza, ha riassunto tutta la faccenda in un unico rigo: “una qualificazione che poteva tranquillamente raggiungere con almeno 2 turni di anticipo”

    Puro realtà. E anche stasera, fino al 93°, siamo stati in bilico.

    Giochiamo bene, e questo lo hanno capito anche i ciechi e i sordi. Ma viviamo nella più ASSOLUTA INCAPACITA’ nel chiudere le partite. Non le chiudiamo. Non è mai successo quest’anno, ne mai succederà.

    Diamo sempre al “Di Natale di turno” di fare goal al 90°(come dice mio padre, se le partite durassero 8 minuti di meno, il Liverpool avrebbe più trofei di tutte le squadre europee messe insieme) e di mandarci a casa.

    Cmq stasera le critiche stanno a 0. Siamo usciti dal Friuli col fiatone, con la tremarella, e ci siamo ritrovati promossi, e come primi nel girone.

  • E stavolta credo che me la riuscirei a godere ancora meglio… Come dimenticare quei due giorni Ste… Io li ho vissuti come un sogno… Il Pool che viene a giocare a 500mt da casa nostra… That’s Incredible…

  • NUNZIO ESPOSITO – PAOLO CERIOLI – LUCA BONOMI
    la foto del banner con i ragazzi sta viaggiando su Twitter che una bellezza!! tanti i complimenti che ci arrivano che giro a voi e tutti gli altri presenti stasera a Udine!! GRANDI DAVVERO!!

  • Siamo degli spreconi. Con l’Anzhi potevamo almeno pareggiare, con gli svizzeri ad Anfield l’abbiamo buttata, oggi quasi. Purtroppo c’è anche questo quando cambi molto e ti affidi ai giovani. Il processo di crescita passa anche per sconfitte clamorose e match regalati. Probabilmente questo non è un Liverpool vincente, ma con pazienza secondo me (e con un attaccante) questa squadra ci regalerà negli anni futuri grandi soddisfazioni, cessioni permettendo.

  • Ho visto la partita insieme a Nunzio, abbiamo sofferto insieme e su quel tiro di Di Natale, volendo citare Lucio Battisti “ho visto la mia fine sul suo viso”. Meno male che è andata bene, c’mon reds.

  • Bella partita con il Liverpool che crea tanto e l’Udinese che vuole a tutti i costi eliminarci e uscire dall’Europa con un risultato che porti punti. Fà piacere passare il turno, e da primi poi è anche meglio, sembra quasi che l’evidenza ci stia imponendo di puntare su questa coppa che non è così lontana se la volessimo. Il Liverpool ormai ha un’identità incompleta ma c’è anche il problema qualità. che se non crea Suarez è poca. Peccato perchè chi subentra ormai è chiaro che non è all’altezza, solo con il meglio che abbiamo possiamo sperare di ottenere punti e vittorie convincenti. Dai ora infiliamo qualche vittoria consecutiva in campionato e approfittiamo dei punti persi là davanti.

  • Con la facilità con cui creiamo occasioni pericolose, se avessimo un finalizzatore in più oltre a Luis, saremmo primi anche in PL.