donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

RED CARPET A STAMFORD BRIDGE

Un indemoniato Manè stende il Chelsea

Pochissimi calci al pallone in questa nuova, esclusiva e particolare stagione di Premier League ed è subito un grande classico del calcio inglese. A Stamford Bridge arrivano i campioni d’Inghilterra e del mondo ed il sapore dell’atmosfera che si sarebbe provata con il pubblico ci fa rimanere con l’acquolina in bocca. In ogni caso, non cambiano quei mal di pancia pre partita, quelle sensazioni che nel 2019 ci hanno fatto voltare pagina, osservando tutti dall’alto con occhi forti e consapevoli, con la determinazione di chi vuole continuare a vincere. Di Thiago Alcantara e Diogo Jota, i due nuovi acquisti del Liverpool delle ultime 72 ore, abbiamo già assaporato la sensazione mai banale di quel brivido, che quando rintocca la notifica al telefono capisci che sarà una giornata più bella e più ricca.

Sguardo alla gara…

Proprio così. Una giornata bella e ricca come questo pomeriggio di settembre, un altro capitolo che sancisce l’attuale superiorità dei Reds in Inghilterra e la filosofia del calcio di Jurgen Klopp e FSG, una coppia d’assi infallibile. In campo subito con qualche tegola rotta i reds, Gomez e Matip saltano la gara per infortunio, lievissimo, ma pur sempre impedente, ed è dunque subito il turno di Fabinho. Il brasiliano deve ricoprire la posizione di difensore centrale di fianco a Van Dijk, fronteggiando il temutissimo Timo Werner, una delle pedine arrivate dall’ultimo mercato ultramilionario del Chelsea. Si siede in panchina Thiago, e che emozione vederlo lì! La partita inizia subito con la grande voglia del Liverpool di imporre gioco, di voler penetrare attraverso un Chelsea ben organizzato, chiuso, con un Fabinho che neutralizza Werner e con la sensazione che il gioco dei rossi sia più valido.

Esordio da sogno per Thiago Alcantara da vero fenomeno

Il turning point e il debutto di Thiago

La svolta della gara però arriva al minuto 46’, quando un grandissimo lancio di capitan Henderson pesca Manè, il quale prende il tempo a Christensen che lo abbatte e lascia in 10 i blues per tutto il secondo tempo. (Il VAR tramuta in rosso l’iniziale ammonizione) Prima ancora di iniziare il secondo tempo fa immediatamente il suo debutto con la maglia del Liverpool Thiago Alcantara, che sostituisce a sorpresa Hendo e che stupirà tutti per la qualità di tocco al pallone. Al 5’ di gioco nella ripresa un’azione che racchiude il nostro calcio, la nostra forza e la qualità dell’attacco meraviglioso che abbiamo, permette proprio a Manè di segnare di testa l’1-0 e poco dopo il 2-0, su un errore grossolano di Kepa. La partita, che sembra chiusa, potrebbe cambiare ancora, questa volta in favore del Chelsea che si procura un rigore con Werner, lo affida a Jorginho e Alisson ricorda a tutti che è lui, per chiari motivi, il miglior portiere del mondo. Finisce dunque 0-2 a Londra, con tante certezze ritrovate e soprattutto con un maestro del calcio in più in mezzo al campo, Thiago Alcantara.

Sontuosa anche la gara di Fabinho

Poche chiacchiere

Inutile dire che questa squadra andrà con le unghie e con i denti a giocarsi un’altra Premier League, ad attaccare un altro titolo, non a difenderlo, perché su questo possiamo dormire sonni tranquilli. Ciò che non deve farci distrarre sono gli altri, le oligarchie, i petroldollari e la paura di non riuscire a ripetersi. Partita dopo partita, vittoria dopo vittoria, sconfitta dopo sconfitta, sono gli altri a doversi preoccupare di noi. Intanto, stendete il red carpet…

di Aldo Meola

Comments

comments