donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Non sarete mai come noi

La grinta di Bobby Firmino

Ci sono partite e partite. In tempi moderni Liverpool contro Manchester City non è sicuramente una partita come tutte le altre. Lo si capiva, questa settimana, camminando per le vie di Liverpool. Ok la partita contro il Genk di Champions League, ma la mente di tutti già volava a domenica. Me l’hanno detto in tanti, nei pub. “Domenica ci vuole il vero Liverpool”. La squadra di Guardiola sarà un bel banco di prova per testare la consistenza della nostra formazione. Una vittoria, aldilà dei punti in classifica, significherebbe tantissimo. Lo scorso anno, infatti, nonostante un cammino quasi perfetto, contro i Blu è sempre mancato qualcosa. Dettagli, ma piccolezze che fanno la differenza. Un pareggio (a dire il vero fortunoso) e una sconfitta. Quest’anno sembra diverso e le premesse per imporsi ci sono tutte. Sarà battaglia, quella vera, con i nostri tifosi che proveranno a fare la differenza. Lo si capirà già qualche ora prima del match, con il benvenuto ai pullman.

Il clima sarà quello delle grandi occasioni

Canti, fumogeni e un sostegno incondizionato, come a dire noi ci siamo e siamo con voi. Domani, è il giorno della storia. Per farla nostra e lanciarsi in Premier League, vero obiettivo stagionale. Domani la città sarà rossa, già dalla prima mattina. Tutti in giro, con fierezza, con indosso i nostri colori. Colazione, qualche birra e poi tutti insieme allo stadio. Più presto del solito, perché non è una partita come tutte le altre e mai lo sarà. Per noi ci sarà una bella comitiva partita dall’Italia, che sicuramente ci rappresenteranno degnamente. Parlare di numeri, di statistiche e di giocatori per una sfida del genere è assolutamente superfluo. Non conta chi scende in campo, ma come. Ci vuole il fuoco sacro, la passione e la voglia di annientarli sportivamente parlando. In sintesi dobbiamo superare il muro che divide la normalità dall’eccellenza. È successo tante volte, serve anche domani, per l’ennesima gara da tramandare ai posteri. Noi non saremo mai come loro e loro non saranno mai come noi. Mai vivranno quello che abbiamo vissuto noi. Siamo diversi, due mondi distanti, due rette parallele che mai si toccheranno. Dimostriamolo, in novanta minuti da vivere alla morte.
di Gianluca Pusterla

Comments

comments