donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

NON C’E’ OPPORTUNITA’ SENZA PRESSIONE…

Sabato ad Anfield é atteso l’Aston Villa: un avversario imprevedibile e molto fisico, di buona qualità tecnica ed oltremodo carico d’entusiasmo per una classifica che colloca il Club di Birmingham ai confini della zona Europa League.

Un impegno davveroscomodo per i reds, posto a “sandwich” tra la first & second leg della complicatissima sfida di Champions League contro il Real Madrid. Tradizionalmente, per il Liverpool FC questi sono i pomeriggi di Premier League che si rivelano puntualmente complicati, per una serie di ragioni sovrapposte. Un team come l’Aston Villa anzitutto, di certo non fenomenale ma con un organico di primo livello, desideroso di far bottino pieno ad Anfield per confermarsi sempre più come “pretendente” all’Europa, ma non solo, anche una lunga scia di “tossine” e “scorie” di un match di Champions League contro il Real Madrid. Una “nube tossica” ancora tutta da smaltire sulle gambe e sulla testa dei nostri uomini in rosso.

Questo contesto, già difficile di per sè, é reso ancor più complicato dalle esigenze piuttosto pressanti di una classifica che parla in modo chiaro: ormai, ad otto turni dal termine della Premier League, errori o passi falsi non sono più permessi, se vogliamo davvero preservare le nostre speranze di qualificazione alla competizione d’Elite del calcio europeo.

Un altro fattore che contribuisce ad addensare i nuvoloni grigi sopra il nostro capo, é lo stato di forma a dir poco precario di moltissimi giocatori chiave: da Sadio, autentico trascinatore al Titolo del Liverpool nel 2019-20, ed ormai da settimane un’ombra sbiadita di sè stesso, a Bobby Firmino, ancora a digiuno prolungato di reti, da Alexander Arnold, che dopo le “stelle” di Londra é tornato alle “stalle” di Madrid, a Naby Keita, il quale con la sua performance scoraggiante allo Stadio “Di Stefano”, ha costretto addirittura Jurgen a correre ai ripari con un’umiliante rimozione dal campo al minuto 42′ del primo tempo.

Se Nat Phillips é parzialmente “scusato” per la sua serata da incubo, considerando il suo “tirocinio” calcistico nella Bundesliga B, al cospetto di un bruttissimo cliente come Vinicius Junior, bisogna evidenziare che Gini ha sostanzialmente recitato a Madrid il ruolo dell’osservatore di centrocampo non ostile e piuttosto passivo, a parte uno strappo palla al piede interessante in 94 minuti di gioco, mentre Fabinho, messo in mezzo da tre mostri come Casemiro, Modric e Kroos, oltre che abbandonato dai suoi compagni, é andato totalmente nel pallone, “barcamenandosi” tra un fallo e l’altro.

Ad ogni modo il Liverpool FC, pur se messo all’angolo in un momento particolarmente avverso, é sempre sinonimo di football internazionale, e di tantissimi altri valori anche più importanti, e perciò non può e non deve mai rassegnarsi e smettere di combattere. Per la sfida cruciale contro il Villa, é essenziale prima di tutto recuperare energie, motivazioni e soprattuto sparigliare le carte agli attrezzatissimi uomini di Dean Smith con qualche scelta di formazione “a sorpresa” ed insolita. Qualche mossa che magari scombina i piani tattici ben collaudati dei Villans ad Anfield. Del resto qualche buona notizia pure affiora in queste ore, come scoprirete leggendo il Match Report di seguito…

Match Report

Una buonissima notizia per noi, meno per l’Aston Villa: come sempre dipende dai punti di vista. Jack Grealish salterà per infortunio la partita di domani pomeriggio ad Anfield.

Il Manager Dean Smith, in conferenza stampa ha amesso “di aver tentato un azzardo, d’accordo con il giocatore, per affrettare i tempi di recupero da una lesione allo stinco, ed essere così presente ad Anfield”.

“Abbiamo caricato Jack in allenamento – spiega ancora Smith – ed ora siamo costretti ad alleggerire di nuovo il suo carico di lavoro”.

Come risultato, il talentuosissimo fantasista della nazionale inglese, ha subito un “setback” in piena regola, ciò che si definisce ricaduta da infortunio, e dovrà restare fuori almeno per altre tre settimane. Un sollievo in più, una preoccupazione in meno, soprattutto considerando lo stato di forma strabiliante di Grealish, confermato dai suoi numeri per questa stagione, numeri da Top Club: ben 6 reti e 10 assist in 22 presenze di Premier League.

Ad ogni modo, anche con l’assenza di Grealish, dovremo fare bene in fase difensiva, di certo meglio di quanto fatto a Madrid, per fermare con successo il gioiellino in attacco del Villa, il ventitrenne in piena ascesa Ollie Watking: attaccante rapido, di buon fisico e discreta tecnica, e particolarmente bravo nel gioco aereo. Watkins non é nella lista infortunati.

Team News

Jurgen, per una volta, non ha preoccupazioni particolari riguardo ad infortuni.Certo, eccezion fatta per gli infortunati di lungo termine, vale a dire Virgil, Gomez, Matip ed Hendo, Klopp può attingere a pieno dalla sua squadra.

In conferenza stampa, il manager del Liverpool si è soffermato ancora sul “caso Keita”, dopo la sostituzione anticipata dello Stadio Di Stefano, soprattutto con parole mirate a spegnere le tensioni: “Dovevamo provare a risolvere in qualche modo le nostre difficoltà in campo, ed era impossibile superare i problemi senza decidere di sostituire qualcuno – ha spiegato Jurgen, che poi conclude – Giovedì, dopo la partita, io e Naby abbiamo avuto una lunga conversazione ed ora é tutto a posto”.

Almeno per quanto riguarda dunque le condizioni fisiche generali dei ragazzi dunque, nessun grattacapo per il manager dei reds, il quale però sottolinea che sempre, dopo una trasferta di Champions, bisogna valutare nel complesso il first team per capire più che altro chi è meno affaticato, stanco, e dunque magari pronto per giocare.

In buona sostanza potrebbero esserci un pò di variazioni di formazione, come confermato dallo stesso Jurgen, sempre nella Pre-Villa press conference: “nessuno é infortunato, ma dobbiamo capire sostanzialmente cosa fare con il rapporto dello staff medico – ed infine, sempre Klopp allude alla possibilità di qualche cambiamento di formazione – e se è necessario cambiare qualcosa”.

“Non c’è opportunità senza pressione – ha sottolineato Jurgen parlando della partita, che rappresenta una possibilità di issarsi al quarto posto domani, accumulando pressione sul Chelsea, ricordando oltretutto il valore dell’avversario – e domani abbiamo la chance di mettere le cose a posto, sconfiggendo un contender reale per la qualificazione all’Europa”.

In effetti, a ben guardare la classifica, é facile accorgersi che l’Aston Villa é a 7 punti dal Chelsea, e con una gara in meno rispetto a noi. Quindi, i Villans possono considerarsi della partita: un motivo in più per affrontare questa sfida come uno spareggio cruciale.

Buon Sabato di Premier League a tutti i fratelli e le sorelline reds, con la speranza viva, nel cuore, di vedere il nostro amato Liverpool reagire, e reimboccare subito la strada giusta dopo i tre schiaffoni del Real Madrid.

Chiudo il preview, come al solito, con la lista delle fonti notizie.

Per approfondimenti:

Jurgen Klopp gives Liverpool team news hint ahead of Aston Villa” – Ian Doyle, Liverpool Echo, 9 Aprile 2021, 14:27pm

“He accepted it”: Jurgen Klopp on honest conversation with Liverpool player” – Daniel Emery, Anfield Watch, 9 Aprile 2021

“Dean Smith admits Aston Villa rushed Jack Grealish back from injury too quickly but says England ace will be fit for Euro 2020” – Oliver Dawnay, Talksport, 9 Aprile 2021, 1:16pm

YNWA, Riccardo Leone

Comments

comments