donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Manteniamo la vetta

Klopp vs Dyche una bella sfida tra due modi di intendere il calcio

A Turf Moor va di scena l’ultima di un agosto sorridente per i nostri. Già, perché se il calcio d’estate può essere a volte ingannevole e illusorio, non lo sono invece i risultati che fino ad oggi parlano chiaro: tre vittorie su tre in campionato con ben nove gol segnati, una Supercoppa Europea in bacheca e un Community Shield sfuggito ai rigori ma comunque ben giocato di fronte al Manchester City. Le amichevoli di luglio avevano quasi suonato un campanellino d’allarme ma quando la posta in palio è tornata a contare il Liverpool ha ricominciato a rispondere presente; nessun rilassamento da vincitori, nessuna sbornia,il gruppo è coeso e ha ancora fame tanto quanto ne hanno ancora i tifosi.

Turf Moor l’ostica tana dei The Clarets

Un piccolo cruccio, però, esiste; non c’è stato nessun clean sheet in queste prime cinque uscite ufficiali della stagione, con Alisson prima e Adrian poi sempre costretti a raccogliere almeno un pallone nella propria porta sia in Premier che nelle due superfinali. Un dato in netto contrasto con la scorso campionato dove furono ventuno le volte che il Liverpool mantenne la propria volta inviolata.
Il punteggio pieno e la testa della classifica spazzano via qualsiasi incertezza ma ci auguriamo di riprendere presto questa vecchia piacevole abitudine, visto che una difesa solida è elemento imprescindibile per vincere i campionati; magari già a Burnley. Già il Burnley; la squadra di Sean Dyche ha cominciato il proprio campionato con una sola vittoria sul proprio terreno ai danni dei Saints; poi sconfitta sul campo dell’ Arsenal e un buon pareggio sul terreno dei Wolves, tra l’altro arraffato dai lupi proprio all’ultimo minuto; in più la brutta sconfitta interna in Coppa di Lega contro il Sunderland, formazione di League One. La differenza tecnica con il Liverpool rimane abissale ma Turf Moor rimane sempre una trasferta tosta in un bel catino. Lo scorso anno la squadra di casa riuscì a portarsi in vantaggio prima della rimonta finale e nel 2016 il Liverpool cadde proprio in questo stadio alla seconda giornata. Mantenere sempre alta la tensione sarà la sfida più difficile per Klopp in questa stagione dai millemila impegni. Il Liverpool è ormai una macchina che va da sola, gli ingranaggi sono ben consolidati e il fatto di aver cambiato poco o nulla sul mercato, in questo caso, aiuta; è il motore che deve rimanere costantemente acceso.
Avanti Reds.

di Dario Damico

Comments

comments