donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Liverpool, inizia l’avventura

di Giorgio Capodaglio

Prende il via la fase a gironi dell’Europa League, alla quale il Liverpool arriva senza aver vinto nessun incontro di campionato e con un ambiente non certo felice della situazione. I Reds sono una squadra in costruzione, che deve ancora digerire un sistema di gioco profondamente diverso rispetto alle ultime stagioni, ma allo stesso tempo è anche vittima di un mercato non certo soddisfacente. Probabilmente i mancati acquisti nell’ultimo giorno di calciomercato hanno avuto il loro peso anche sul morale di tutto l’ambiente, squadra compresa. Sarà un caso, ma dopo la sconfitta con il WBA, arrivata dopo un match con tutti gli episodi sfavorevoli e il pareggio contro il Manchester City, giunto a causa di errori individuali dopo un incontro dominato in largo e in lungo, si è chiuso negativamente il mercato e subito dopo il Liverpool ha perso malamente in casa contro l’Arsenal. Naturalmente non si è trattato soltanto di una questione di testa dovuta ai mancati acquisti, ma certamente un po’ tutto l’ambiente ha messo nel ripostiglio già alle 23 del 31 agosto sogni e ambizioni. Per non parlare poi del problema tecnico dell’assenza di una prima punta che possa sostituire un Suarez che nelle ultime settimane è stato più croce che delizia.

Tra i tanti problemi va aggiunto quello legato al portiere. Reina non è stato mai un fenomeno, è riuscito a conquistarsi la sua gente grazie a due serie di calci di rigore nelle quali è risultato decisivo, e forse dei portieri del post Grobbelaar è stato il migliore. Ma nelle ultime due stagioni e mezza gli errori – che ci sono sempre stati – si sono moltiplicati in modo preoccupante, a cominciare da quella clamorosa papera con cui il numero uno dei Reds regalò il pareggio all’Arsenal alla prima di Hodgson. Da quando Benitez ha lasciato il Liverpool, lui sembra essersi perso e non riesce più a essere una sicurezza per la difesa. In fin dei conti cos’è cambiato dalla difesa di Benitez a quella di oggi? Negli uomini poco. Certo manca la presenza dominante, il carattere e il cuore di Sami Hyypia, ma allo stesso tempo gente come Agger e Skrtel dovrebbe essere più matura. Certo Johnson commette i suoi errori, ma quando in difesa non si è tranquilli, quando si sa che se si lascia tirare l’avversario probabilmente si prende un gol, anche i difensori aumentano i propri errori. Nonostante tutto Reina sembra intoccabile, sia per i tifosi – anche se sono sempre di più i critici – che per i compagni. Nessuno lo ha mai messo in dubbio e addirittura viene sempre schierato nelle coppe. Rodgers ha però capito che è giunto il momento di guardare agli altri e  in Svizzera lo spagnolo non ci sarà. Spazio quindi a Jones, come in fin dei conti fanno molte squadre che in Europa League e nei primi turni delle coppe nazionali dando spazio al secondo portiere. Se dovesse fare bene potrebbe mettere in difficoltà il mister? Intanto ci auguriamo si dimostri all’altezza.

Per quanto riguarda la partita contro lo Young Boys, squadra più debole in un girone pericoloso con Anzhi e Udinese, Rodgers potrebbe dare spazio ad alcune seconde linee, pensando anche al prossimo impegno con il Man Utd. Avranno probabilmente spazio Coates e Carragher, mentre rientrerà anche Jose Enrique. A centrocampo rivedremo Henderson e Sahin, che devono dimostrare di poter lottare per il posto. In avanti i maggiori dubbi. Giocherà sicuramente Downing e magari potremo vedere anche Assuidi, ma vista la moria di centravanti, Borini potrebbe anche essere in campo, pure se sono insistenti le voci sull’utilizzo addirittura dal primo minuto del tedesco Yesil. Suarez, così come Gerrard verrà sicuramente lasciato fuori e lo stesso accadrà nel reparto arretrato. Lo Young Boys non sta vivendo una grandissima stagione, trovandosi per ora a metà classifica. Bisognerà tenere d’occhio il centrocampista offensivo Farnerud, svedese col vizio del gol. In estate la società ha però venduto l’africano Mayuka, passato al Southampton. Certamente gli svizzeri avranno dalla loro l’entusiasmo e giocheranno soprattutto all’inizio con ritmi molto alti, sfruttando anche il fatto di aver giocato un semplice match di coppa nell’ultimo week end. Il Liverpool dovrà approcciare quindi con molta attenzione al match e i sostituti provare in ogni modo a mettere in difficoltà Rodgers per un posto da titolari nelle prossime gare.

Comments

comments

10 risposte a Liverpool, inizia l’avventura

  • L’anno scorso il Basilea elimino lo Scum United a domicilio in in CL questo per far capire che non è più l’amato footy dei 70′ e 80′ oggi queste squadre arrivano imbottite di stranieri pagati cifre ridicole che vengono a giocare la partita della vita… Noi abbiamo una rosa ridotta all’osso ma piena di speranzosi giovani che finalmente hanno modo di mostrare il loro valore, partita rognosa, speriamo bene e con un occhio al match di domenica.
    P.S. Un grosso YNWA ad El Masche e tutti gli altri che oggi seguiranno i ragazzi del Pool vs l’Inter nel torneo NextGen Series a Milano.

  • Sicuro l’impiego di Yesil, largo alle seconde linee, sperimentazione di tutti i giocatori.

    Credo sia questo il modo di affrontare la competizione deciso di comune accordo con il Board.

  • Ho aggiornato l’articolo con le ultime notizie provenienti da Melwood.

  • Spero proprio che sia così Paolo, è impensabile affrontare Europa League e Premier con 14/15 giocatori senza coinvolgere i ragazzini! Dobbiamo costruire la nostra qualificazione sicuramente ad Anfield, 3 vittorie in casa e barrichiamoci in trasferta, è un girone tosto ma sono molto fiducioso per il passaggio del turno, le notti Europee, seppur di Europa League, è roba nostra!

    Yesil-Morgan coppia d’attacco per domani sera, il ragazzino tedesco mi incuriosisce moltissimo, qualche giovane quest’anno deve esplodere per forza!

  • The Reds departed John Lennon airport for Switzerland shortly after noon on Wednesday, with 20 players making the journey.

    Among those on the plane were Samed Yesil, Suso, Conor Coady, Andre Wisdom, Adam Morgan, Peter Gulacsi and Dani Pacheco.

    More experienced colleagues such as Jamie Carragher, Brad Jones, Stewart Downing, Jose Enrique, Jordan Henderson, Jonjo Shelvey and Sebastian Coates were included in the travelling party, while summer signings Nuri Sahin and Oussama Assaidi have also made the trip.

    Stay logged on to Liverpoolfc.com for all the latest news from the squad in Switzerland.

  • Ho letto alcune probabili formazioni…questa a mio avviso la più interessante:

    Jones
    Flanagan carra coates enrique
    Hendo sahin
    Suso
    Downing Morgan Aissaidi

    Da notare l’utilizzo di Jones…speriamo convinca per domenica!

  • Jones in porta, menomale.

    BR, con la scusa del turn-over, si leva dalle palle Reina, e “fa scaldare” gli altri portieri.

  • non vorrei snobbare troppo gli svizzeri,perdere mi farebbe girare le b….

  • Credo la cosa interessi poco al Board, se mi rifaccio alle dichiarazioni di inizio stagione.

    L’Europa League questa stagione dovrebbe essere solo ed esclusivamente utilizzata a scopi sperimentali e per testare i giovani che domani potrebbero tornare comodi.

    Cody: credo che dovremo abituarci a questa situazione in Europa. Domenica poi ci sono …….. beh lo sapete tutti !!

    Meglio uscire subito che proseguire in qualche modo con il rischio di compromettere giocatori che già abbiamo in misura ridimensionata a cause di chi sappiamo bene.

    Testiamo i giovani e vediamo su chi si potrà fare affidamento in futuro. Io la prendo così, dallo zero assoluto non può che sortirne qualcosa di buono.

    Pessimista? No, solo realista.

  • Stasera abbiamo rotto il pallottoliere, una volta tanto. Fare 5 goal in trasferta contro una squadra piccola, ma che cmq ha giocato alla morte per 93 minuti, va bene.

    Quello che non va bene è che il pallottoliere, lo stavano per rompere anche loro.

    Continuiamo a giocare con Carragher, che a 90 anni, poveraccio, non li regge più i 90 minuti. Continuiamo a mettere in campo Enrique, che ormai è un giocatore in più per gli avversari.

    Henderson e Downing, si marcano da soli. Sono inutili.

    Domenica, vorrei vedere Jones e Coates al posto dei 2 pelati che ci stanno facendo retrocedere(Reina e Skrtel)