donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

LANCIERI TRAFITTI

 

Il teatro (vuoto) della sfida

 

I Reds scendono in campo alla Johan Cruijff Arena in occasione della prima gara di Champions League della stagione. I Lancieri di Ten Hag hanno disputato un brillantissimo inizio di campionato nonostante i tanti addii di spessore, mettendo in campo un gioco sempre studiato, estetico ed efficace. I Reds devono purtroppo fare a meno di Virgil van Dijk, infortunatosi gravemente in occasione del derby di Liverpool, cosa che lo porterà molto probabilmente a saltare l’intera stagione o buona parte della stessa. La formazione prevede quindi Adrian fra i pali; Alexander-Arnold, Gomez, Fabinho e Robertson sulla linea difensiva, mentre a centrocampo spazio al giovane Curtis Jones, sorretto dall’esperienza di James Milner e dalla duttilità tattica di Gini Wijnaldum. In attacco spazio al classico tridente con Momo Salah, fresco di centesima rete con la maglia dei Reds, Sadio Mané e Bobby Firmino.

 

Mané propizia l’autogol decisivo di Tagliafico

 

I Reds cercano da subito di mordere la profondità giocando prevalentemente sul settore di sinistra, al fine di sfruttare l’esplosività atletica di Robertson e Mané. L’Ajax gioca invece con rispetto, mantenendo le linee corte in fase difensiva e pressando altissimo nella metà campo avversaria. Gli attacchi dei Reds però sono poco efficaci e facilmente leggibili dai padroni di casa, che non corrono praticamente nessun pericolo fino alla mezz’ora del primo tempo, complice l’assenza delle maggiori figure di costruzione della squadra di Klopp. i biancorossi quando entrano in possesso sono pericolosi, girano bene la palla e sfruttano l’agilità di Neres e Promes, bravi ad eludere le marcature e liberarsi negli spazi. Quincy Promes si divora clamorosamente il vantaggio al minuto 34’, sparando su Adrian a pochi passi dalla porta; Un minuto dopo però ecco la beffa per l’Ajax, che subisce la rete dei Reds su un bel guizzo di Sadio Mané, il cui tiro strampalato trova la fortunosa deviazione in rete di Tagliafico. Dieci minuti più tardi è Tadic a sfiorare il pareggio, con un pregevole pallonetto salvato in acrobazia da un ottimo Fabinho; la prima frazione finisce quindi 0-1 per gli ospiti.

 

Il salvataggio provvidenziale in acrobazia di Fabinho

 

Nella ripresa spazio a Jordan Henderson al posto di Curtis Jones, una scelta dettata dal bisogno di un maggiore ritmo nel giro palla, oltre ad una maggiore esperienza in una gara importante e dal risultato in bilico. L’Ajax tenta di tenere il pallino del gioco, ma i Reds sono bravi a non concedere quasi nulla agli avversari, che si rendono particolarmente pericolosi solamente ad inizio ripresa con il palo di Klaasen. Nella parte centrale del secondo tempo Klopp cambia tutto il tridente offensivo, inserendo Diogo Jota, Minamino e Shaqiri, in modo da avere forze fresche da lì alla fine del match. L’Ajax tenta di riversarsi completamente in attacco, con il Liverpool che aspetta e riparte pericolosamente in contropiede, sfruttando le ampie praterie di gioco generate dall’alto baricentro dei lancieri. Non succede molto nelle aree delle rispettive squadre durante l’ultima mezzora, in cui sono parse entrambe abbastanza impallate e difettose nell’ultimo passaggio. Negli ultimi minuti Minamino ha un’ottima opportunità per chiudere i giochi, ma Onana si salva in calcio d’angolo. La partita finisce 0-1 per gli ospiti, che si portano a casa i primi tre punti nella massima competizione europea.

 

di Francesco Lionetti

Comments

comments