donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

La lezione di Manchester è servita: contro l’Aston Villa deve tornare il vero Liverpool

 

Salah, il riscatto passa anche dai suoi piedi

 

La festa è finita. Un imperativo che deve risuonare all’interno dello spogliatoio del Liverpool, per evitare altre brutte figure. Certamente la squadra di Jurgen Klopp ha molte attenuanti: da una stagione condotta a tutta velocità ad un inevitabile calo di tensione nel momento in cui è arrivata la matematica certezza del titolo. Tuttavia, ciò che in campo non deve mai mancare è l’orgoglio: una caratteristica che ha reso i Reds una delle formazioni alfa del calcio mondiale.

Proprio sull’orgoglio dei giocatori deve puntare il tecnico tedesco, in vista della sfida interna contro l’Aston Villa. Un match i cui il Liverpool dovrà assolutamente rifarsi dopo la rovinosa caduta di qualche giorno fa in casa del Manchester City. Nulla può sporcare – ovviamente – la straordinaria stagione dei Reds, partita con la conquista della Supercoppa Europea e conclusa con il ritorno sul gradino più alto del podio d’Inghilterra. Tuttavia, sarebbe un peccato concludere con una serie di prove negative un campionato che comunque rimarrà nella storia.

Minamino cerca spazio

Il match contro i Villans potrà essere utile per tanti giocatori. Tra i titolari ci sono elementi come Momo Salah, ancora in corsa per il terzo titolo consecutivo di capocannoniere della Premier League. Un traguardo straordinario, che entrerebbe nel campo dell’epica e che potrebbe tenere l’egiziano in corsa per il Pallone d’oro. Inoltre, altri componenti della rosa possono sfruttare queste ultime gare stagionali per integrarsi al meglio nello scacchiere di Klopp: dal giapponese Minamino – arrivato a gennaio dal Salisburgo – ai giovani Elliott, Jones e Williams, vogliosi di guadagnarsi la conferma per la prossima stagione.

Non mancano dunque le motivazioni in vista della sfida in programma ad Anfield contro l’Aston Villa. Gli avversari sono avvisati: difficilmente il Liverpool sbaglia due partite consecutive.

di Paolo Lora Lamia

Comments

comments