donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Il rispetto paga!

di Nunzio Koprule Esposito

Respect è lo slogan cucito sulle maglie delle squadre che giocano l’Europa League, stasera Brendan Rodgers  decide di seguirlo alla lettera ed allora RISPETTO per la gente, che comunque con tanti sacrifici viene allo stadio e regala un ottimo colpo d’occhio, RISPETTO per la competizione, che è pur sempre una vetrina Europea che ti permette tanta visibilità, ma anche incrementare le entrate in caso di vittoria, RISPETTO per i nostri avversari, che si sono recati nella serata di ieri a rendere il giusto omaggio depositando una corona di fiori al Memorial eretto fuori allo Shankly Gates e, “last but not least”, RISPETTO per la storia. Perché vedere Anfield violato è sempre una cosa che fa male al cuore di noi tifosi. Dicevamo di un pubblico che come sempre accorre numeroso a riempire gli spalti, tra i tanti tifosi VIP non possiamo fare a meno di notare la presenza di Gerry Marsden, colui che ha portato YNWA ad essere ormai parte integrante del nostro patrimonio storico, cantata sempre sia in casa che dalla Travelling Kop in ogni angolo del globo. Dicevamo di un BR che decide di schierare quasi la formazione tipo con Jones in porta a conferma di un buon momento, ma anche per permettere a Pepe Reina di recuperare in modo tranquillo la migliore forma, lo spagnolo tra l’altro ha avuto belle parole per il suo compagno di reparto, dimostrando signorilità e spirito di squadra. Il pacchetto arretrato è quello che al momento garantisce un ottimo rendimento, viene difficile da capire l’involuzione di José Enrique, lo spagnolo da giocatore di sicuro rendimento, uno dei più continui negli ultimi tempi,  ha imboccato una serie di prestazioni negative che lo hanno visto relegare in panchina con poche possibilità di appello, altra cosa che salta all’occhio è l’assenza di Coates. Non impiegare l’uruguaiano nemmeno in questi match non renderà certamente sereno il ragazzo, Sebastian è un difensore di grande prospettiva, ma con la coppia Agger e Skrtel in perfetta forma non si vedono sbocchi per lui. Centrocampo con Gerrard, Sahin, Shelvey e Downing con Assaidi a supporto di Suarez. Si inizia con un Liverpool che dimostra di avere sempre più fiducia nei suoi mezzi, la manovra è stretta, ma anche avvolgente, si pratica un possesso palla di qualità con un Anzhi molto ordinato che mette ben otto giocatori in venti metri a creare un autentica diga.

Primi spunti spettacolari di Suarez che, con un doppio tunnel, manda in visibilio la parte bassa della Centenary Stand. Al minuto 8′ un intervento di Martin Skrtel provoca tre fori sulla maglia del malcapitato Smolov, passano due minuti e Suarez ha due ottimi spunti, ma sul primo crossa lungo per un Downing che si era liberato sul lato opposto dell’area, mentre nel secondo conclude fiacco su un ottimo servizio di Assaidi. Al 20′ si ripete la scenetta di sabato scorso con Samba ammonito per un fallo su Suarez e Anfield che applaude, anzi addirittura all’arbitro viene tributata una standing ovation. Ancora tre minuti e Shelvey si divora un occasione d’oro, servito sul dischetto al centro area spara un piattone alto sulla traversa. Le azioni si susseguono con un ispiratissimo Assaidi che cerca, con una conclusione personale, di superare Gabulov. Al 34′ si grida al penalty dopo che Glen Johnson buca la difesa e si presenta solo in posizione defilata d’avanti al portiere … le immagini non chiariscono l’accaduto, se il nostro è toccato o cincischia sulla palla. Al 39′ Agger si spinge in una delle sue azioni personali e libera un missile che passa poco alto all’incrocio, ma apprezziamo il calcio del vikingo danese. Al 42′ ancora un indemoniato Assaidi determina l’ammonizione di Agalarov, dobbiamo dire che stasera il marocchino non sbaglia nulla.

Inizia la ripresa con Sterling al posto di Johnson e Downing che scala a fare il terzino sinistro, primi minuti iniziali di secondo tempo e il Liverpool cambia marcia, le azioni si susseguono e nell’ordine prima Skrtel e poi Gerrard arrivano a sfiorare la rete, ma ecco che al 52′ Downing, in una delle sue classiche giocate, salta l’uomo e batte Gabulov con una parabola precisa che si insacca all’altezza dell’incrocio, partita sbloccata. È un Liverpool che gioca e piace, il solito Sterling da tanta vivacità, mi voglio ripetere su Assaidi il ragazzo ha personalità, non ripete mai due volte la stessa finta, ha un ottimo cambio passo e crea superiorità, speriamo bene. Passano i minuti ed un Suarez sempre più nervoso si lascia ammonire in modo stupido, a volte faccio fatica a capire cosa crede di fare, il suo atteggiamento è totalmente fuori strada, irrita, si innervosisce e finisce per non dare il giusto contributo alla squadra. Al 79′ è il momento di Allen che entra al posto di uno Shelvey un pochino spento, sull’azione seguente Agger si becca un ammonizione, dopo aver rubato la palla tra le braccia del portiere con la testa e segnato una rete irregolare. Nei minuti finali un roccioso Skrtel si erige a ultimo baluardo bloccando a ripetizione le azioni dei russi, Agger dimostra la filosofia di BR quando in posizione complicata invece di spazzare dialoga con i compagni uscendo palla al piede e costruendo un azione che per poco Gerrard non finalizza in rete. Abbiamo ancora modo di vedere un Allen rubare palla a modo suo nel  cuore del muscoloso centrocampo russo, tutto fosforo ed intelligenza questo ragazzo gallese ed uno Sterling che, alla Suarez, tenta di scartarsi anche l’arbitro per poi finire gambe all’aria invece di servire un liberissimo Suarez. Ecco, chissà se in questi momenti Luisito sente fischiarsi le orecchie.

Dicevamo, il rispetto paga e così alla fine di questa serata ci ritroviamo soli al comando di  questo girone d’andata, frutto anche l’inaspettata sconfitta dei friulani a Berna. Ed adesso percorriamo tutti insieme questo chilometro e mezzo che ci divide da un altro giorno di gloria, tutti al Goodison!!!

Comments

comments

12 risposte a Il rispetto paga!

  • Respect… come non essere d’accordo con Nunzio? Inoltre la cosa bella è che la squadra inzia a raccogliere punti oltre alle belle prestazioni. Il mix di gioventù ed esperienza sta piacevolmente sorprendendo e fa tanto morale sia per la squadra che per i tifosi. E se domenica al Goodison park…. YNWA

  • La strada che si sta percorrendo pare quella giusta. Un buon incontro e una buona vittoria contro una squadra niente male. Che bravi i giovani! Stanno crescendo velocemente: grandi Wisdom e Assaidi. Nunzio sono d’accordo con Te: Suarez può dare molto, ma molto di più solo se…….dai Luis. YNWA

  • Purtroppo non ho seguito a pieno il match ma posso dire di essere contento di aver ottenuto un risultato non facile, seppur non in trasferta. Bene che le seconde linee, seconde almeno per ora, rispondano bene alla chiamata del tecnico e soprattutto che si riaquisti sicurezza dopo le brutte figure ad Anfield. La Coppa Uefa perchè Europa League non si può sentire, è l’unico trofeo importante da vincere questa stagione, oltre all’improbabile lotta per i preliminari di Champions. Ci sono troppe squadre che lottano per quel posto e soprattutto troppe meglio attrezzate e organizzate del Liverpool quindi tutti a conquistare la Uefa. Anche perchè c’è una certa Supercoppa Europea che dopo la Champions è il trofeo europeo più prestigioso. Non sarà facile ma bisogna guardare la realtà e tirare fuori il massimo da questa stagione che già è partita maluccio.

  • Giustissimo Nunzio. E direi RESPECT anche per Brendan Rodgers che non ha paura di nulla e va avanti per la sua strada nonostante tutto.

  • Sono molto contento, una bella iniezione di fiducia per il derby, come on reds come on!!!!

  • Confesso che mai mi sarei aspettato una formazione iniziale di questo tipo, sopratutto in vista di un “Derby” che vede i nostri cugini decisamente meglio piazzati.

    BR mi ha stupito.

  • Downing terzino sinistro è una soluzione davvero intrigante, soprattutto per le partite in casa contro avversari ostici che si difendono in 11, mi è piaciuta la mossa del nostro tecnico!

    Dall’Accademy abbiamo tirato fuori un gran bel talento, sto parlando di Wisdom naturalmente, il ragazzo è bravo e soprattutto ha personalità da vendere, in generale è davvero bello veder sbocciare questi ragazzini dell’Accademy, il progetto che c’è dietro a questa squadra è di spessore e secondo me di successo, anche se non immediato.

    Suarez quando perde la testa non ne azzecca più una in campo, il ragazzo ha ampi margini di miglioramento, soprattutto sottoporta, deve però darsi una calmata, è troppo esagitato! Comunque è il perno del nostro gioco, tutte le azioni pericolose nascono bene o male da lui, ha qualità da vendere, deve solo focalizzarsi sul campo, acquisire il “killer instinct” davanti alla porta e non pensare a polemizzare, lanciarsi e quant’altro.

    Ed ora portiamo a casa il derby della Mersey, Come On Reds!!!!!!!!!!!

  • Altra considerazione che mi sono scordato di menzionare è la solidità difensiva delle ultime partite, finalmente Skrtel e Agger sembrano aver trovato una buona intesa, con Wisdom a destra che se la sta cavando egregiamente e Johnson a sinistra che non sta più combinando grosse ingenuità, anche se non mi convince mai al 100%, troppo supponente il ragazzo IMHO…

    Mi sarebbe piaciuto vedere una difesa con Wisdom-Skrtel-Agger-KELLY secondo me sarebbe stata la migliore, è davvero un peccato che Martin si sia rotto il ginocchio, che sfortuna che si porta dietro questo ragazzo che a me personalmente fa impazzire!

  • Downing dimostra che in questo Liverpool lui può svolgere il ruolo di degnissima riserva, è comunque una freccia in più nell’arco di Rodgers.

    Bene, battere l’Anzhi ad Anfield era l’unica cosa che potessimo fare, visto che nel girone di ritorno saremo impegnati in due trasferte complicate come Udine e Russia. Due punti sulle seconde non sono una sicurezza ma un buon punto di partenza, ringraziamo lo Young Boys per il servizio.

    Quella che è iniziata come una stagione difficile e di sofferenza può rivelarsi piacevole e piena di belle sorprese. La più grande, almeno per me, è assistere alla crescita di questo collettivo che, con un paio di innesti giusti, può regalarci un futuro davvero splendido. Continuiamo a lavorare sottotraccia e keep faith.

  • Buona la prestazione di coppa. La vittoria ci può dare quella fiducia che questi giovani stanno sempre meglio dimostrando. Suarez non si discute ma se prendi per il didietro l’arbitro sai che non hai mai ragione e rischi di rovinare tutto, quindi dopo il primo cartellino ti prego pensa solo a giocare. Rigore netto per noi a mio avviso su Assaidi, incontenibile, mi è piaciuto anche Jones, mentre Downing può essere un jolly da metà campo in su, qualche dubbio se mi fa il terzino anche se è stato messo li per esigenza.