donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Game Over

di Matteo Fontanone

Ultima fatica di Premier League per il Liverpool di Kenny Dalglish: non avendo più obiettivi concreti, l’imperativo per i nostri ragazzi rimane soltanto fare bene. Si vola in Galles, ospiti della rivelazione Swansea di Brendan Rodgers: i Cigni hanno disputato un campionato eccellente, riuscendo a conquistare la salvezza in tutta tranquillità. Il merito di questa eccellente annata va all’allenatore irlandese arrivato nel 2010, che ha saputo costruire un sistema di gioco funzionante, ha scoperto una manciata di ottimi giocatori ed è stato premiato anche con alcune vittorie altisonanti, come quella con l’Arsenal o con il Manchester City.

King Kenny si presenta a Swansea con un ordinato 4-4-2. Occasione per Doni tra i pali, linea difensiva composta da Kelly, Agger, Carra e Johnson, centrali di centrocampo giovani e in cerca di conferme come Jonjo e Hendo, Maxi e Downing sugli esterni ad innescare la coppia che il prossimo anno dovrà farci fare il salto di qualità, Carroll – Suarez. Negli Swans attenzione alla vena realizzativa di Danny Graham, al talento di Sigurdsson e all’imprevedibilità di Sinclair: sono questi i tre grossi nomi dell’undici avversario, si presume dunque che per i quattro Reds dietro ci sarà da lavorare, ed anche bene.

Dopo dieci minuti di buon Swansea in cui Allen sfiora addirittura il goal, si rischia già la disfatta. Carroll è infatti pressato e costretto a ricorrere a Doni con un retropassaggio: il portiere brasiliano la prende inspiegabilmente con le mani ed il direttore di gara sancisce una punizione a due in area, che fortunatamente Sinclair tira alta. I venti minuti successivi trascorrono placidi, equilibrati e senza particolari occasioni, poi Shelvey concede una punizione al limite dell’area per intervento scomposto: la calcia Sigurdsson, Doni si riscatta dal pasticcio precedente e devia a lato con un buon salvataggio. Il resto del primo tempo non regala particolari emozioni, i Cigni si difendono con ordine e ripartono bene, il ‘Pool ci prova con qualche combinazione tra Suarez e Carroll. Al 43’ minuto sempre Sigurdsson trova smarcato Dyer nella nostra area di rigore, Doni esce e si supera per la terza volta, negando la gioia del goal all’attaccante ex Sheffield. Da segnalare nei minuti di recupero i momenti di tensione tra Carroll e Williams, che vengono alle mani lottando per il possesso palla e rimediano entrambi un giallo.

I primi minuti della ripresa dicono Swansea, ma l’occasione migliore capita al Pool. Il protagonista è Carroll, che si esibisce in una straordinaria rovesciata in area di rigore, ma trova l’opposizione di Vorm: il numero uno dei Cigni si esalta e compie una parata da cineteca, data la violenza della conclusione. Sessanta minuti e Dalglish prova a scuotere l’ambiente inserendo Bellamy per uno spentissimo Downing. Passano due giri di lancette e rischiamo ancora di andare sotto, questa volta causa mischia in area dopo un calcio d’angolo dei gallesi. Il secondo tempo procede francamente molto noioso, si segnala il mai domo Suarez che prova ad innescare Bellers, ma il suo filtrante viene fermato dalla difesa dei Cigni. al settantatreesimo esce un Maxi non irresistibile per Kuyt, in quella che potrebbe essere la staffetta di coloro che in estate andranno via. Siamo all’alba del 75′ ed il Liverpool decide di voler vincere: Carroll sfiora ancora il goal con una gran girata in area, il Gigante nelle ultime settimane sta crescendo e lo sta facendo benissimo. Attacchi da Suarez, da Bellamy … ma come spesso accade, passa il nemico. Passa lo Swansea all’ottantaseiesimo, con una bella girata di Graham, il bomber del team, che sale così a quota 14. I minuti restanti non cambiano la solfa, il Liverpool attacca senza troppa convinzione e scivola velocemente verso il triplice fischio.

Titoli di coda sulla nostra stagione, con la truppa di Dalglish protagonista dell’ennesima sconfitta, questa volta maturata dopo una prestazione scialba e priva di cattiveria agonistica. In estate bisognerà lavorare e migliorare sotto tantissimi punti di vista, Kenny ha l’obbligo morale di rinfrescare le sue idee spesso anacronistiche rispetto al calcio moderno ed è tenuto a conferire nuova linfa vitale ad un gruppo potenzialmente molto forte, ma troppo spesso sfortunato, impreciso e mentalmente fragile. Crediamo, vogliamo credere che il Re sia ancora l’uomo giusto per portare avanti il progetto inaugurato dalla nuova proprietà americana, sperando che questa decida di confermare l’eroe scozzese sulla panchina di Anfield.

Dando uno sguardo a ciò che succede nei campi della Premier, ringraziamo il City per il bellissimo finale al cardiopalma che ha regalato agli uomini di Mancini il titolo dopo anni di astinenza, privandolo agli eterni rivali, nostri e loro, dello United. Facciamo inoltre i complimenti ai cugini dell’Everton, perché per merito loro e demerito nostro, tornano davanti a noi nella classifica finale del campionato. Concludiamo il nostro cammino con un deludente ottavo posto, una Carling Cup in bacheca ed una finale di FA persa: la compagine di Kenny deve arrivare a conoscere sé stessa ed a capire l’entità del proprio valore, solo allora riusciremo ad essere competitivi e sempre concentrati. L’appuntamento è per la stagione 2012/2013, con molta sfortuna in meno ed altrettanta maturità in più. Arrivederci e buone vacanze, Liverpool.

Comments

comments

16 risposte a Game Over

  • Grazie Matteo, bell’articolo.

    Fortunatamente questa stagione è finita, spero che ora abbiano modo di sistemare le idee ed essere pronti a fare una Premier come si deve nella prossima stagione.

    YNWA

  • -37 dalla vetta, mamma mia che stagione…

  • Strabilianti nelle coppe, poverissimi(e sfortunatissimi) in campionato.

    Mai più mai poi un campionato cosi.

    Un grazie al City, che per merito della loro determinazione, la loro voglia di non arrendersi mai(neppure di fronte all’inevitabile), costringono lo United a rimanere, dopo anni e anni, e bocca asciutta.

    Fallited = 0 tituli

    E speriamo che sia il preludio ad un periodo in cui noi vinciamo, e loro perdono sempre di più, fino a sprofondare in un buco nero.

  • 52 punti per il Pool sono un bilancio ai limiti del ridicolo. Il prossimo anno, lo ripeto, Kenny è obbligato a fare meglio. Glielo impone la sua storia personale, la sua storia con il Pool e la sua dignità da grande manager.

  • Fortunatamente questa stagione è finita…….

    YNWA

  • Grazie Matteo di aver riassunto la partita.Per me oggi su rojadirecta è stato un disastro.Anche se è stata un’annata piuttosto deludente i week-end senza il Liverpool saranno vuoti.YNWA

  • Spero non sia vero che la società vuole spendere soltanto 20 milioni di sterline nel prossimo mercato. Cosa ci faremmo?

  • X CODY: quoto e sottoscrivo, se il campionato fosse durato il numero sufficiente di partite per finire in 1st Division, vai tranquillo che saremmo retrocessi. Tutti questi scialbi “0-1” contro squadre decisamente battibili han veramente sfiancato anche i tifosi più caldi.

    X GIO: intanto, andando controcorrente rispetto alle ultime dichiarazioni di King Kenny, per me c’è da fare un bel po’ di pulizia. Ipotizziamo la cessione di gente che ha dato tutto quello che poteva dare (Reina, Doni, Aurelio, Maxi, Kuyt, Bellamy), che è costosa ma non strettamente necessaria (G.Johnson) o che difficilmente ci darà mai qualcosa (Henderson): secondo me il “tesoretto” effettivo sarà sui 40 mln. E con 40 mln puoi fare una campagna acquisti dignitosa (basta non buttarne 20 per un ventenne semisconosciuto che poi si rivela una chiavica; io metterei un “tetto” massimo di 5 mln per un under20 sconosciuto), considerando che il reparto in emergenza è il centrocampo (i titolari di quest’anno sono passabili solo come riserve) e magari anche un attaccante degno del nostro nome. Poi c’è sempre la speranza che ragazzi come Sterling o Coady possano rivelarsi “acquisti” veri e propri.

  • Danny non condivido per niente: Henderson mi pare più un’isofferenza tua ma il ragazzo complessivamente ha fatto un campionato dignitoso con alti e bassi come tutta la squadra.
    Nè vedo come scarto Bellamy, imprescindibile ora come ora, e neanche scarterei con leggerezza glenda.

    opinioni

  • x JACOPO: OK per Bellamy, l’ho indicato come “vendibile” in quanto non puoi oggi come oggi vederlo come titolare in una squadra che punta almeno al 4°posto. Può essere un’ottima arma tattica e quest’anno l’ho applaudito più volte, però per fare il famoso “salto di qualità” ci vuole altro. Quasi OK per Glenda: la sua presenza sta tarpando le ali ad un certo Martin Kelly, che è già da un paio d’anni che potrebbe tranquillamente giocare titolare. Inoltre in quel ruolo c’è anche Flanagan. Per me se si vuole “monetizzare”, il vendere G.Johnson non è così assurdo.

    Su Henderson mi dispiace, ma comincio a pensare che non sia solo un’opinione: ha fatto oggettivamente cagare. A centrocampo siamo stati uno in meno tutto l’anno, oltretutto non si è ancora capito in quale cacchio di ruolo dovrebbe giocare, dopo quasi 50 “presenze”. Non è un’insofferenza solo mia, ma anche di tutti quelli che conosco (non di persona, ma tramite un noto social network) che vanno regolarmente ad Anfield e ne apprezzano le gesta…

  • Non so cosa succederà e non mi voglio sbilanciare anche inizio a non capirci più una beata mazza.

    Per ora si leggono solo notizie scritte per vendere giornali.

  • Danny Hendo ha fatto un discreto inzio di stagione, poi è stato inspiegabilmente utilizzato sulla fascia dove nasce ma dove oggettivamente non rende, mentre in mezzo al campo fa la sua discreta figura, con lui e Gerrard in fa cup siamo andati molto meglio che con Spearo…se Hendo non è all’altezza per me non lo sono nemmeno Spearo e jonjo che sono sicuramente meno talentuosi…questo è il capitano e titolare indiscusso dell’under21 e ricordiamoci che é un 1990…lui, shelvey, Kelly, coates, sterling etc sono il nostro futuro e vanno tenuti stretti, vedere giocatori cosi giovani fare 30 presenze è motivo d’orgoglio per la nostra squadra

    Paolo secondo me c’è troppa, troppa speculazione e confusione, se la nostra dirigenza ha i “cosi detti” come in passato hanno dimostrato devono fare al più presto una dichiarazione ufficiale che faccia finire una volta per tutte questo scum

  • Causa mancanza del computer, non ho potuto seguire la partita ieri (e neanche l’incredibile evento dell’Etihad stadium!!!), ma in ogni caso il risultato positivo o negativo non avrebbe cambiato le mie valutazioni su questa stagione. Un campionato orrendo, inutile negarlo, che non possiamo e non dobbiamo ripetere l’anno prossimo (6 vittorie ad Anfield in 19 partite è un dato allucinante). Spero che la società sia disposta ad investire perchè occorrono vari giocatori. Reina è una disgrazia, Kuyt e Carragher sono ahimè vecchi e vanno sostituiti (lo dico con tristezza, perchè li amo alla follia), il capitano ormai è sul viale del tramonto e non mi fiderei di Downing ed Henderson, che per me non sono da Liverpool. Se considero tutte queste cose, allora bisogna prendere un bel po’ di gente e spendere una bella somma: accadrà tutto cio? Speriamo bene. Non potendo spendere 100 milioni, si potrebbe coprire qualche ruolo con i giovani interessanti che abbiamo (Kelly al posto di Johnson tutta la vita!!!). Comunque vada, fedeli alla maglia sempre, al di là del risultato, Come on reds, ynwa.

  • King Kenny è volato a Boston per parlare con gli owners

  • A farsi un giro sul web e leggere cosa pensano alcuni “supporters” di Kenny c’è da rabbrividire..non dico che non si possa criticare, so che anche qui c’è chi pensa sia il momento di cambiare (non sono assolutamente d’accordo ma sono opinioni eh), ma è proprio IL RISPETTO per la PERSONA Kenny che manca..da rabbrividire..ecco a cosa ha portato la globalizzazione e la mercificazione del tifo. Ripeto si può sempre dissentire con civiltà, ma mai essere offensivi, specie verso un’ ICONA che è di diritto nella storia del nostro club. Non esiste più il valore del rispetto.

  • Senza nulla togliere al bellissimo articolo di matt, quando è previsto l’articolo finale sulla stagione? Sono molto curioso di analizzare la stagione con tutti voi