donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Gabbiani Indigesti

Diogo Jota ancora in rete



Non è una bellissima prestazione quella che accompagna i Reds nella decima giornata di Premier League, che vede contrapposti ai ragazzi di Klopp i “Seagulls” di Brighton, sedicesimi in classifica e bisognosi di mettere punti in saccoccia. I rimaneggiati campioni d’Inghilterra si schierano con un 4-2-3-1 abbastanza inedito, che vede Neco Williams e Philipps schierati nel reparto arretrato insieme al camaleontico Fabinho ed all’unico titolare di ruolo Andrew Robertson. A centrocampo spazio al “Doble Pivot” composto da Milner e Wijnaldum, mentre In attacco ci sono Firmino e Salah, accompagnati dal solito jolly Diogo Jota, sempre più presente nei meccanismi della squadra, in una formazione che ritrova, fra le tante novità, la presenza di Takumi Minamino, schierato a destra dal boss.

Si aggiunge anche Milner alla lunga lista degli infortunati

Dopo una prima mezzora scarna di occasioni e con qualche spavento, fra tutti il calcio di rigore spedito fuori da Maupay, i Reds prendono il match di petto e diventano più consistenti in fase offensiva, riuscendo anche a trovare la rete del vantaggio al minuto 34’ con Momo Salah, che tuttavia viene annullata dal VAR per fuorigioco. Poco dopo ci prova Minamino dalla distanza, ma senza successo, nell’ultima reale occasione di un primo tempo povero di spettacolo e di occasioni.
Nella ripresa la partita diventa più intensa, con Il Liverpool che attacca costantemente la profondità attraverso lanci lunghi e tanta aggressione alta, sfruttando come sempre la prepotente fascia sinistra di Robbo. I padroni di casa sono ben messi in campo e non concedono molto, ma devono arrendersi al finissimo assolo di Diogo Jota, che deposita alla destra del portiere con un destro chirurgico al minuto 60’. Con il vantaggio in tasca i Reds provano a raddoppiare, senza però trovare grandi occasioni, a causa di frequenti errori in fase di definizione e rifinitura di gioco. Il Brighton prova ad alzare la testa ed a riversarsi in avanti alla ricerca del pareggio, sfruttando la fisicità degli esterni e la profondità. Gli ospiti trovano anche il raddoppio con Sadio Mané, ma anche questa volta il VAR nega la gioia ai ragazzi di Klopp, ed il punteggio rimane quindi invariato.

Tre giorni a disposizione per Klopp per ricaricare i ragazzi. Martedì ci attende l’Ajax.

Nei minuti di recupero arriva il pareggio dei “Seagulls” su calcio di rigore, per un presunto fallo di Robertson ai danni di Welbec, che riporta tutto in discussione ed arresta la galoppata dei Reds in Premier. I molti indisponibili e tanta sfortuna hanno condito una partita certamente poco bella e tipica dell’intensità inglese, in cui il Liverpool non ha certamente brillato, ma che ai punti avrebbe meritato qualcosa in più.

di Francesco Lionetti

Comments

comments