donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

FERVENTE ARMISTIZIO

Salah realizza la rete del momentaneo vantaggio

In terra d’Albione è la partita delle partite, è lo scontro fra i due grandi titani della Premier, la sfida di maggior spessore d’Inghilterra. Liverpool e Manchester City si affrontano per contendersi la vetta del campionato inglese come da tradizione della recente storia calcistica d’oltremanica, in un periodo di particolari sperimentazioni da ambo le parti. Klopp sta infatti sfoderando con frequenza il nuovo gioiello Diogo Jota, reduce da ottime prestazioni e una tripletta contro l’Atalanta, aspettando di poter scoccare anche la freccia Alcantara, un vero e proprio valore aggiunto alle capacità di costruzione e finalizzazione della squadra. Il City di Pep è invece cambiato molto in difesa, in virtù dei costosi innesti di Akè e Ruben Dias, mentre in attacco l’ultimo esperimento del manager catalano prende il nome di Ferran Torres, adibito nelle ultime giornate a “falso nueve”. La formazione dei Reds vede quindi Alisson fra i pali, Alexander-Arnold e Robertson sugli esterni con coppia centrale formata da Gomez e Matip.

Grande prova a centrocampo di Gini Wijnaldum

A centrocampo ci sono Henderson e Wijnaldum in posizione centrale, con Diogo Jota posizionato sulla trequarti ad alimentare il solito tridente offensivo composto da Salah, Mané e Firmino. Partono bene i Reds, che giocano con grande aggressione della profondità e la solita ossessiva verticalità, sfruttando specialmente il settore di sinistra, in cui Mané crea diversi problemi alla retroguardia dei citizens. Il numero dieci ospite si guadagna un calcio di rigore al minuto 13’, sgusciando efficacemente dalla marcatura di Walker; sul dischetto si presenta Momo Salah, che non sbaglia e porta in vantaggio il Liverpool. La squadra di Guardiola prova a reagire alla scoppola, e grazie a De Bruyne riesce quasi sempre a trovare le giuste linee di passaggio in zona d’attacco. Il fenomeno belga costruisce l’azione per il pareggio realizzato da Jesus, che con un guizzo elude la discutibile marcatura di Gomez e beffa Alisson. I citizens continuano a spingere, e conquistano un calcio di rigore al minuto 42’ per un tocco di mano di Gomez segnalato dal VAR; Dagli undici metri De Bruyne calcia fuori, ed il punteggio rimane quindi invariato.

Erano quattro partite di fila che Jota riusciva a trovare la rete

Dopo la reazione d’orgoglio del City, i Reds tornano a dominare il campo e a mordere la difesa di casa, ed in chiusura di primo tempo creano un’occasione clamorosa sull’asse Salah – Alexander-Arnold, in cui Ederson si immola e salva i padroni di casa. La ripresa è meno ricca di episodi ma non meno intensa, con le due squadre che si incornano a vicenda senza riuscire a prevalere l’una sull’altra. Va segnalata l’uscita dal campo di Trent Alexander-Arnold al minuto 63’, in seguito ad un duro scontro di gioco. Con l’uscita di Firmino, sostituito da Shaqiri, i Reds si schierano con Salah come unico terminale offensivo, cercando di non dare riferimenti al City, che invece sfodera la carta Bernardo Silva, al fine di dare maggiore estro e tecnica sull’esterno. Entrambe le mosse non sortiscono gli effetti sperati, e la partita finisce in parità. I Reds giocano un ottimo match sia dal punto di vista dell’intensità che della qualità, in cui molto spesso è purtroppo mancato l’ultimo passaggio. La squadra è in crescita e le prestazioni continuano a migliorare, aspettando di poter riassaporare le qualità di Thiago Alcantara e di godere, al più presto, del vero Bobby Firmino. 

di Francesco Lionetti

Comments

comments