donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Che rabbia!!!

di Armando Todino

Questa sera ad Anfield il Liverpool aveva il match point per ottenere la qualificazione e non poteva sprecarlo per non correre rischi nell’ultima ed insidiosa partita del Friuli contro gli uomini di Guidolin che, nella gara delle 18, avevano perso contro l’Anzhi. L’avversario di stasera ad Anfield era lo Young boys, squadra che in questo girone è stata un po’ come il Dottor Jekyll e Mister Hyde: pessima nelle prime due partite e vincente nelle altre due. Gli svizzeri che all’inizio erano sembrati destinati al ruolo di cenerentola del girone, hanno rimesso tutto in discussione con due vittorie consecutive ai danni dell’Udinese, due risultati con i quali, oltre a rilanciare se stessi, hanno aperto possibilità di qualificazione a tutte le altre. I reds scendono in campo con la seguente formazione: Reina (che con la gara di stasera raggiunge quota 81 presenze in Europa superando Ray Clemence), Skrtel e Carragher coppia centrale, Downing e Wisdom a completare la difesa; Sahin, Henderson, Suso e Shelvey in mezzo al campo con Cole e Assaidi in avanti. La partita inizia con ritmi molto blandi: la prima occasione per il Liverpool è al minuto 16 quando dai piedi di Shelvey parte un bellissimo passaggio filtrante per Cole che lascia partire un buon diagonale che esce non di molto. Dopo dieci minuti i reds vanno vicinissimi al vantaggio: uno splendido colpo di tacco di Shelvey libera Henderson che si ritrova solo davanti al portiere, ma gli spara il pallone addosso divorando un gol che sembrava cosa fatta. Un minuto dopo, i tifosi ospiti tirano fuori uno striscione che recita “in memory of Hillsborough” e ricevono un caloroso applauso dal pubblico di Anfield: davvero un bel gesto da parte loro, degno di essere segnalato. Al minuto 31 Suso esce ed entra il capitano, passa solo un minuto e il Liverpool va in goal con una bella manovra in velocità che vede protagonista Cole: Joe serve Suso appena fuori area, il giovane restituisce la sfera a Cole che si infila in area e con un bel tocco supera il portiere e mette sulla testa di Shelvey che a porta vuota realizza il suo terzo gol personale contro lo Young boys. I reds adesso prendono nettamente il sopravvento e mettono alle corde gli svizzeri che rischiano di capitolare in un paio di occasioni, in particolare al minuto 43, quando ancora Cole serve una bellissima palla a Suso che potrebbe infilare il portiere e mettere una seria ipoteca sulla vittoria, ma tira troppo frettolosamente e spreca, così finisce il primo tempo con il Liverpool in vantaggio più che meritatamente. Inizia il secondo tempo con gli svizzeri che si fanno pericolosi con due tiri in un minuto: al 48 ci prova Farnerud, ma la forte conclusione si perde oltre la traversa; un minuto dopo una gran sventola di Zverotic fa tremare Anfield. Il gol purtroppo è nell’aria e arriva dopo 2 minuti con l’interessantissimo Bobadilla che riceve un pallone dalla destra, lo stoppa di petto e lascia partire un sinistro che è un autentico missile che batte l’incolpevole Reina. Nulla da dire: un bellissimo gol di un fortissimo giocatore, che si è distinto anche nelle gare precedenti. I reds accusano il colpo, Rodgers riprende in mano il suo taccuino e decide di giocare la carta Suarez che, al minuto 60, fa il suo ingresso in campo al posto di Suso. I reds si riorganizzano, provano a spingere, si guadagnano una serie di corner che però non sortiscono nulla. Il gol arriva ancora una volta su azione, su una bellissima azione firmata dal trio Suarez-Gerrard-Cole. Siamo al minuto 71 quando Luis serve il capitano che mette una bella palla in area per Cole che riceve, si gira ottimamente e fa secco il portiere. Una grande serata per Cole, a parer mio la sua miglior partita da quando veste la maglia del Liverpool. A questo punto Rodgers lo sostituisce con Sterling facendogli guadagnare i meritatissimi applausi del pubblico. Lo Young boys non molla, ma i minuti passano con il Liverpool che ormai sembra avere la partita in pugno, ma purtroppo al minuto 88 arriva la doccia fredda. Zverotic riceve palla pochi metri fuori dall’area di rigore e spara una cannonata che si infila sotto la traversa per il gol del 2-2, una vera beffa per i reds che ormai avevano gara e qualificazione in tasca. Ci prova il Liverpool nei minuti di recupero, ma un ultimo assalto disperato viene murato dalla difesa svizzera ed il match si chiude in parità. Un vero peccato per i nostri ragazzi che hanno disputato una discreta gara e sono stati beffati ancora una volta da un avversario, ad onor del vero, ostico e tosto. Adesso dobbiamo giocarci tutto ad Udine dove forse sarà necessario schierare qualche titolare in più per centrare una qualificazione che a questo punto sarebbe un peccato non raggiungere. Avanti reds, coraggio, non molliamo.

Comments

comments

13 risposte a Che rabbia!!!

  • E continua il grande enigma sul perchè affrontare questa Europa League come una partita di allenamento, o come un laboratorio di improponibili cambi di ruolo e inserimento di innesti che sono un’ eterna incognita. Appena ho visto la formazione mi sono chiesto, ma Henderson che è un lentissimo centrale di centrocampo sa fare il terzino? il campo non poteva che dire di no, tra diagonali sbagliate e coperture saltate, oltre la difficoltà nel coprire la fascia e chuidere centralmente. Insomma un terzino e un centrocampista non è lo stesso. Coates potrebbe trovare spazio al posto di un non infinito Carragher? no non c’è. Gerrard potrebbe riposarsi ed evitare di giocare ogni tre giorni come un ragazzino di vent’anni? no non ci sono abbastanza centrocampisti tra Sahin, Shelvey, Allen, Coady e Suso. Avrei compreso tanta spensieratezza a qualificazione già ottenuta o se avessimo obbiettivi più importanti, ma la realtà è questa, una piccola Europa può far diventare importante una stagione ed io magari apprezzerei parecchio anche un eventuale Supercoppa contro i campioni. Purtroppo bisogna affrontare ogni match con pochi stimoli e un turn over radicale. Lo Young Boys non meritava il pareggio e questo si che fà rabbia, affrontare questa sfida importante con maggiore intensità avrebbe portato certamente i tre punti.

  • C’e’ poco da dire e da fare quando si sprecano occasioni ghiotte come quelle capitate sui piedi di Henderson e Suso. Erano dei rigori in movimento e li hanno sbagliati, tutto qua.

    Quello di Suso poi ha dell’incredibile. Ha avuto tutto il tempo del mondo per piazzare quella palla!!

    Sul secondo gol, ci sta il gran tiro da fuori area, ma cavolo, era centralissimo, ed il nostro portinaio ci ha messo del suo. Per cortesia rimettiamolo in panchina o mandiamolo al Bridge dal suo amato connazionale. Voglio Jones !!

    Gli svizzeri avevano visto e capito bene tutto su di lui e non appena potevano tiravano da tutte le distanze, ed un assaggio del genio lo avevamo notato qualche minuto prima sempre su tiro da fuori parato in due tempi ed in qualche modo.

    Sono inca……mo!!! Abbiamo gettato la qualificazione solo ed esclusivamente per nostri errori sia in avanti che nel reparto difensivo.

    P.S. Per BR: Henderson ha gia’ le sue problematiche di adattamento al ruolo di interditore, evitiamo di collocarlo sulla fascia in qualità di terzino. I risultati sono allarmanti. Il primo goal e’ nato da li dove il ragazzo non e’ riuscito a scalare in tempo dato che era in pressing alto pochi secondi prima!!

  • Non vorrei essere ripetitivo ma siamo incorsi ancora una volta in una prestazione orrenda di Assaidi, veramente imbarazzante vederlo giocare e mi dispiace ma non mi lascio incantare da due dribbling inutili perché il calcio è altro e per fare due numeri da circo ci si può tranquillamente accomodare sulle ramblas. Oltre a stonare nella coralità della manovra offensiva non ci mette nemmeno un briciolo di cattiveria e abnegazione, odio i giocatori che non danno tutto, a questo pare che non gliene freghi niente e anche il buon Roggiero se n’é accordo quando ha lasciato, fregandosene altamente, uscire due palloni che con una scivolata o un po’ più di sforzo poteva tenere in campo.
    Così non ci sto.

    Buone invece le prove di Downing e sahin, entrambi si sono sacrificati facendo un lavoro oscuro e questo è da rendergliene merito.
    D’accordo con paolo su Hendo, non può fare quel ruolo. Finalmente abbiamo rivisto un buon joe cole, speriamo non sia una scintilla isolata ma che si sia riacceso qualcosa, può essere una grande arma se si ritrova

  • sono ancora troppo “nervoso”….no comment.

  • Tirare cosi per le lunghe una qualificazione che potevamo chiudere con 2 partite di anticipo senza particolari sforzi, è da criminali. Qualificazione che tra l’altro potrebbe anche non arrivare.

    La formazione iniziale, mi ha lasciato sgomento. Shelvey come punta, Carragher al posto di Coates, Henderson in campo(non ne posso più di questo qui), ecc… Mi erano cascate le palle anche nel vedere Cole, ma grazie a Dio ha fatto un’ottima partita.

    Per il resto ho ben poco da dire, sono “sfinito”.

    Non vogliamo passare il turno. Abbiamo paura di concludere qualcosa di buono?

  • Io sinceramente non ne farei un dramma,soprattutto perchè abbiamo capito che questa competizione è più un fastidio che un piacere,abbiamo fatto 5 partite tutte con una squadra diversa ed imbottita di seconde linee,ma non mi stupisco perchè il nostro allenatore ad inizio stagione disse che questa Europa League era una vetrina per lanciare giovani,quindi non meravigliamoci,e nonostante questo se vinciamo ad Udine siamo qualificati,l’obiettivo è solo ed esclusivamente il campionato e se ci si comporta cosi,cercando di non qualificarsi o lasciando vincere lo Swansea in capital one ad Anfield mi viene da capire che l’obiettivo è arrivare assolutamente in champions e scalare posizioni avendo tutta la settimana tranquilla per preparare le partite senza impegni infrasettimanali che sono solo un peso…altrimenti non avrebbe senso accontentarsi ad una qualificazione in Europa League e snobbarla in questo modo…non c’è logica…l’unica spiegazione è questa…

  • E meno male qualcuno si ricorda delle frasi di Rodgers.

    Ad inizio stagione parlò in modo chiaro e mi sembra sia coerente con il suo programma. Se faccia bene o se stia commettendo delle cavolate credo sia una cosa prettamente soggettiva.

    Due giorni fa scrivevo su questo sito che servivano attaccanti mentre qualcuno sosteneva che Suarez basta ed avanza se gioca a certi livelli.

    Perfetto, ieri abbiamo giocato con il duo Cole-Shelvey che si davano il cambio nel fare la prima punta.

    E’ una cosa bella o saggia? Non direi proprio, anzi affermerei che è la logica conseguenza del non poter schierare Suarez sempre e comunque.

    Quindi affermiamo ancora che non abbiamo bisogno di punte? Se avessimo avuto un centravanti di nome e di fatto ieri pur schierando le seconde linee avremmo vinto in carrozza con almeno tre reti di margine. Oggi siamo qui ad urlare alla Luna il nostro malcontento.

    Attenzione la mia è una disquisizione basata sulla somma di commenti presi qua e la ed uniti per comodità.

  • Le frasi di Rodgers avrebbero avuto senso se nel nostro girone ci fosse stato il Real, il Borussia e il Barcellona. Allora sticazzi della EL.

    Invece abbiamo avuto un girone estremamente abbordabile. Non dovevamo fare salti mortali per passarlo. Non dovevamo schierare la formazione titolare per 90 minuti per tutte e 6 le partite.

    Bastava mettere dentro per 30-40 minuti, in un paio di partite un Suarez o un Gerrard o un Allen.

    Avrebbe stravolto i piani per il campionato? NO. E ci avrebbe dato la qualificazione alla 4° partita, quella in trasferta con l’Anzhi, che ce la siamo persi da soli.

  • Alessandro T9: Bastava mettere dentro per 30-40 minuti, in un paio di partite un Suarez o un Gerrard o un Allen.
    Avrebbe stravolto i piani per il campionato? NO. E ci avrebbe dato la qualificazione alla 4° partita, quella in trasferta con l’Anzhi, che ce la siamo persi da soli.

  • Ovviamente servono attaccanti, io dissi soltanto che se Suarez gioca così bene da prima punta ed anche ieri quando è entrato ha creato scintille nella difesa dello Young Boys, deve giocare lui come ultimo terminale offensivo. Questo non pregiudica l’arrivo di un attaccante prolifico che può sia affiancare il fenomeno oppure sostituirlo quando è squalificato. Magari anche due non farebbero male.

  • secondo me sono lampanti,sempre di più, due cose: shelvey al posto di sahin mi sembra sacrosanto. henderson non ci da in una casa. è uno dei giocatori più inutili che abbia mai visto. vi prego,spiegatemi come ha fatto ad arrivare, non dico nel liverpool, perchè ha davvero dell’umanamente inspiegabil, ma anche solo in premier league…sono allibito. a me non sta sulle palle nè cose del genere,ma non si può guardare in mezzo a giocatori di un certo livello. avremo otto miliardi di problemi,ma piuttosto che henderson,un ragazzino o uno fuori ruolo..perdonate lo sfogo non certo costruttivo

  • Krupovieza:
    secondo me sono lampanti,sempre di più, due cose: shelvey al posto di sahin mi sembra sacrosanto. henderson non ci da in una casa. è uno dei giocatori più inutili che abbia mai visto. vi prego,spiegatemi come ha fatto ad arrivare, non dico nel liverpool, perchè ha davvero dell’umanamente inspiegabil, ma anche solo in premier league…sono allibito. a me non sta sulle palle nè cose del genere,ma non si può guardare in mezzo a giocatori di un certo livello. avremo otto miliardi di problemi,ma piuttosto che henderson,un ragazzino o uno fuori ruolo..perdonate lo sfogo non certo costruttivo

    Sfogo non costruttivo, ma sacrosanto.

    Ti quoto al 100%. E la cosa più agghiacciante è che l’ha portato da noi King Kenny, non uno dei magazzinieri, ma colui che è un Dio del calcio e della nostra squadra.

    L’unica ipotesi razionale è che Kenny abbia voluto provare la scommessa con un ragazzo giovanissimo, e che allora mostrava segni di un talento raffinato(mai più riapparso, ne tantomeno sbocciato).

  • Veramente triste questo pareggio. Occasione d’oro per il passaggio del turno e invece…..meno male che non ho potuto vedere la partita, quindi non posso dire granchè, però capisco che non riusciamo ancora a salvare almeno quelle partite che ci possono trasmettere fiducia nei ns. mezzi e che dovrebbero onorare la maglia di questo amato club.