donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Another Shield Missed

Minamino sigla la sua prima rete e la prima di un calciatore giapponese con la nostra maglia

Dopo il ritiro in Austria, con tanto di amichevoli contro Stoccarda e Salisburgo, i reds si apprestano ad affrontare il primo grande impegno della stagione, vale a dire il Community Shield. Contrapposti ai ragazzi di Klopp ci sono i gunners di Arteta, vincitori dell’FA Cup, trascinati dall’estro e dal talento di Lacazette ed Aubameyang. Klopp deve fare a meno di Jordan Henderson, Oxlade-Chamberlain, Joel Matip e Alexander-Arnold, tutti fuori per infortunio, mentre sul fronte mercato si aspettano novità su Thiago Alcantara, le cui voci su un possibile passaggio al Liverpool sono sempre più insistenti. I Reds scendono in campo con il solito e rodato 4-3-3 che vede Alisson fra i pali; Neco Williams e Robertson sugli esterni con coppia centrale formata da Van Dijk e Gomez. In mezzo al campo spazio a Fabinho, con Gini Wijnaldum e Milner a fungere da mezze ali, mentre il reparto offensivo vede come sempre il trittico sinfonico composto da Manè- Firmino- Salah. Nell’Arsenal fuori Lacazette, e dunque il 3-4-3 di Arteta sarà guidato da Saka ed Aubameyang, ai lati del giovane Nketiah. I Reds cominciano da subito a mettere le cose in chiaro, tenendo il pallino del gioco e cercando costantemente la profondità, specialmente con Manè e Robertson sulla sinistra. Al minuto 12’ è però L’Arsenal a portarsi in vantaggio con Aubameyang, che realizza con bel destro a giro, 1-0 e partita in salita per i ragazzi del “Normal One”. Il Liverpool prova ad alzare i ritmi, continuando ad imporre il suo gioco, mentre i gunners rimangono in attesa, arroccati nella loro metà campo e pronti a ripartire in contropiede. Robertson continua ad essere molto pericoloso con i suoi cross, ma per il resto sono poche le idee offensive realmente pericolose per i Reds, mentre dall’altra parte Nketiah si rende saltuariamente fastidioso sui capovolgimenti di fronte; il primo tempo finisce 1-0 per i gunners, nel segno dell’attaccante gabonese e con il Liverpool sempre in proiezione offensiva.
La ripresa si svolge con un copione molto simile a quello dei primi 45 minuti, con i REDS che però riescono a pareggiare con Minamino al minuto 75’, e si divorano il possibile vantaggio con Manè in più occasioni. A livello realizzativo non succede più nulla e la partita si avvia verso i calci di rigore; nei tiri dal dischetto è decisivo l’errore del giovane Brewster, che condanna i Reds alla seconda sconfitta consecutiva nella competizione, ancora una volta ai calci di rigore.

L’errore dello sfortunato Rhian Brewster ci condanna all’immeritata sconfitta

La stagione è appena ricominciata e bisogna ritrovare la benzina per ripartire, sia dal punto di vista fisico che mentale. Perdere un trofeo non fa mai piacere a nessuno, ma l’auspicio è che questa sconfitta possa servire da lezione per la prossima stagione; una stagione già alle porte e che non aspetta nessuno, nemmeno i Campioni D’Inghilterra.

di Francesco Lionetti

Comments

comments