donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Anche Andy Lonergan partecipa al ballo dei debuttanti…

La battaglia di Istanbul, che si é chiusa ai rigori dopo 120 minuti giocati sotto un’afa record, costringe Jurgen a mischiare le carte in vista dell’insidiosissima trasferta di domani pomeriggio al St Mary’s Stadium (16 ore italiane).
Contro un avversario fresco fisicamente, e voglioso di farsi perdonare dai suoi supporters dopo la disfatta di Burnley nell’opening della EPL (3-0), i Reds si preparano ad attingere a piene mani dalle opzioni alternative, in particolare a centrocampo, ed in alcuni ruoli difensivi: Robertson, Fab, Hendo, Joe Gomez, già visibilmente stanchi a metà partita, sono apparsi poi letteralmente distrutti al fischio finale.

Fabinho, quasi accompagnato “a spalla” dai compagni, é riuscito poi a convertire il suo rigore nello shootout finale contro il Chelsea. Nel Sud Inghilterra siamo attesi da un Southampton fresco e senza infortuni, pronto a cogliere qualsiasi segnale di stanchezza del nostro amato Liverpool allo scopo di mettere a segno una sorpresa.
Jurgen e i ragazzi ora devono recuperare tutte le energie e la concentrazione per disinnescare un altro avversario pericoloso, soprattutto in questo momento della stagione. La prima parte del match sarà fondamentale, in particolare per predisporre il ritmo di gioco ed inviare al Southampton, ed al nostro vecchio amico Danny Ings, un messaggio forte e chiaro: il Liverpool non é in vacanza e non c’è scampo.

Questa volta c’è bisogno dell’aiuto di tutti, impossibile farne a meno. I primi match preview disponibili di Echo, Independent, Express e Standard ipotizzano un impiego fin dall’inizio di Lalls, probabilmente nel suo nuovo inedito ruolo di registra “alas Jorginho” per usare le parole di Jurgen. In quella zona di campo la prestazione di Adam nel secondo tempo del Community Shield a Wembley, é stata incoraggiante. Naby, che ha interrotto in anticipo l’allenamento prepartita ad Istanbul per un problema muscolare resta fuori, mentre OX, Shaqi, Gini, si prenotano tutti per un posto a centrocampo.

In difesa il ritorno di Alexander dall’inizio é dato per certo, mentre potrebbe ricomparire almeno in panchina Lovren, dato che il Liverpool ha chiuso le trattative di trasferimento con la Roma, almeno stando a quanto scritto da Liverpool Echo oggi.

In attacco, é possibile un impiego del Popular Hero Divock Origi, ma non é neppure da escludere ancora una conferma del trio dei magnifici, considerando che Sadio é in forma stellare, Bobby Firmino comunque non ha giocato 120 minuti, e Mo é un miracolo atletico vivente.

La tegola, la vera tegola pesante che potrebbe abbattersi sulla testa di tutti, é la maledizione dei portieri: Jurgen ha confermato a Sky Sport Uk che un nostro tifoso (?), saltato aldilà della gradinate in campo Mercoledì sera dopo la finale, ha rifilato un calcio all’anca di Adrian in un tentativo maldestro di liberarsi dalla morsa degli Stewards.
Per la serie già sono pochi i guai, perchè non cercarsene altri?
Essere noiosi non fa proprio per noi.
Anche se secondo Adrian l’infiammazione all’anca dopo il colpo accidentale si é ridotta, siamo un pò tutti con il fiato sospeso per lui. In quel caso é pronto Andy Lonergan, ex grande promessa della nazionale under 20 e speranza del calcio inglese di trovare un erede di David Seaman, a difendere la nostra porta. Una carriera su e giù per l’Inghilterra, sempre in attesa di quella grande occasione che Andy, secondo chi vi scrive, meritava davvero, ma che non si concretizzò mai.

Ora, a 35 anni, rilasciato dal Middlesbrough, Lonergan é ad un passo da quella grande occasione. Roba da stroncare il respiro di chiunque. Andy Lonergan però é molto esperto, e soprattutto circondato da un gruppo splendido che ha una capacità eccezionale di trasmettere fiducia ed affetto a tutti gli ultimi arrivati.
Le prossime ore ci diranno se Andy Lonergan avrà l’opportunità di scrivere una meravigliosa fiaba del “debuttante”. Speriamo che sarà così per lui, e per il Liverpool, con tutto il cuore.

YNWA, Riccardo Leone

Comments

comments