donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

LFC Official Twitter
OLSC Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Un terzo posto da difendere ad ogni costo….

Questo Lunedì post LiverpoolTottenham, ha aperto un’interminabile coda di polemiche e controversie, riguardo l’operato dell’arbitro John Moss ed in particolare del suo assistente di linea Ed Smart. Una lunga scia di polemiche, che si è chiusa con voci insistenti di un’indagine della FA sull’operato del linesman Ed Smart, pescato dai microfoni di campo in una richiesta di “accesso illegale” a prove ed immagini televisive, poco prima dell’assegnazione del primo penalty.

Per saperne di più:

Telegraph: la EPL indaga su Moss & Smart…

In un’ottica Liverpool, é frustrante constatare come quel primo rigore per gli Spurs che ha contribuito a plasmare il risultato finale, è nei fatti il frutto di una decisione di John Moss priva di certezze, sostanzialmente in una condizione di dubbio.
Lovren ha toccato la palla o no?
Moss e Smart entrambi dimostrando di non saperlo, e allora Smart chiede illegalmente accesso a delle immagini migliori per chiarire la dinamica dell’azione. Logicamente le prove televisive non sono utilizzabili, dato che la VAR non è stata introdotta dalla EPL e quindi la “regia” ignora la stramba richiesta. Abbiamo anche una prova video a sostegno dei fatti.
Cosa fa allora Moss? Fischia rigore.
La frustrazione sponda Liverpool è più che comprensibile. Il trionfo netto del Watford ai danni del Chelsea (4-1), nel Monday Night di Vicarage Road, serve ad addolcire la pillola amara, ed é la conferma che a volte non tutti i mali vengono per nuocere. Alla fine il punto raccolto contro gli Spurs, tiene il Liverpool al 3° posto, seppur di un punto, e conferma al tempo stesso la buona forma dei reds, pensando soprattutto ad un primo tempo molto positivo in un match tra i più combattuti e belli della stagione. Un pareggio dal classico sapore agrodolce, ma l’onda lunga della doppia sconfitta dei blues, lascia sensazioni positive. Gli Spurs sono un avversario di livello, ed il Real Madrid ne sa qualcosa, ma l’intervista post-gara di Antonio Conte, apertamente polemica nei confronti della proprietà del Chelsea, deve assolutamente trasmettere al Liverpool quell’iniezione di energia positiva per tentare un allungo importante in classifica.
Impresa non facile, pensando ai Saints appena reduci da una vittoria importantissima in ottica salvezza in trasferta contro i Seagulls del Brighton (2-3). Il Liverpool però, se inizia il match nel modo giusto, con il piede sull’accelleratore, pressando gli avversari con coraggio, ha la qualità tecnica e velocità di gioco per esplorare tutte le debolezze e fragilità difensive evidenziate dai Saints quest’anno. Aggressività e personalità fin dall’inizio si riveleranno fattori fondamentali per emergere vittoriosi in una sfida al veleno, con tantissimi ex Southampton in campo per il Liverpool. Una vittoria difficile da ottenere ma possibile, e soprattutto fondamentale per staccare un primo biglietto importante e decisivo nella lotta di alta classifica.

Team News

Infortunio a Joe Gomez, Liverpool-Southampton

Il piccolo passo indietro di Joe Gomez, che deve fare i conti con una botta alla caviglia valutata come “minore” dallo staff medico dei reds, rappresenta una delle notizie principali delle team news. Un piccolo fastidio, che comunque non permetterà al giovane nazionale inglese di prendere parte alla sfida, soprattutto perchè prevale una linea di cautela di Klopp, visto che Joe Gomez ha appena superato due anni di infortuni interminabili. L’altra notizia rilevante é la schiera di ex Saints, da Lovren a Virgil Van Djick, fino ad Ox Chamberlain, dalla parte del LFC.
Molto probabilmente la coppia VVD – Lovren guiderà la difesa Reds al St Mary’s. Tutti sono pronti a partecipare al ballo degli ex di Southampton, a parte Lallana, alle prese con i suoi demoni dopo gli schiaffi sulla testa rifilati a John Marsh nel corso della partita Under 23’s di metà settimana, sempre contro il Tottenham. La motivazione ufficiale dell’assenza di Lallana è un piccolo infortunio, che non sappiamo in che misura è politico, o disciplinare. Nat Clyne è sulla buona strada nel suo percorso di recupero, ma la sfida di Southampton giunge troppo presto per lui.

Comments

comments