donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Occasione sprecata

Robertson meno brillante stasera.

Stasera finalmente, dopo oltre 2 mesi, tornava la Champions ad Anfield, la competizione più amata dai tifosi Reds, quella che ha sempre regalato le emozioni più forti. La cornice di pubblico, come al solito, è quella delle grandi occasioni, anche perché l’avversario è tra i più blasonati d’Europa, il Bayern. Klopp schiera la seguente formazione: Alisson, Matip, Fabinho, Arnold, Robertson, centrocampo con Keita che affianca Henderson e Wijnaldum, attacco Salah, Manè, Firmino. Inizia la gara e nei primi minuti il possesso di palla è decisamente dei tedeschi che sembrano in buona forma con il Liverpool meno aggressivo del solito. La prima occasione è dei Reds con Henderson che pesca con un bellissimo lancio Salah, che calcia al volo, ma colpisce male e non spaventa Neuer. Passa un minuto e il Bayern sfiora il gol con un cross dalla destra sotto porta che viene deviato da Matip, che rischia il più clamoroso degli autogol colpendo in pieno Alisson. Il portiere brasiliano diventa protagonista al negativo 4 minuti dopo, quando indugia troppo col pallone tra i piedi e poi serve un pallone suicida a Matip, che lo perde consegnandolo a Koman il cui tiro finisce fortunatamente sull’esterno della rete. L’assenza di Van Djik al centro si sente!! Al minuto 23 altra occasione per il Liverpool: sugli sviluppi di un calcio piazzato dalla linea di fondo, Arnold scodella in area e Salah di testa mette a lato. L’occasione più grossa arriva al minuto 32, quando Firmino serve Keita al limite, il suo tiro viene deviato e finisce sui piedi di Manè che, all’altezza del dischetto spreca clamorosamente. Il Liverpool inizia ad aumentare il ritmo e nel giro di 3 minuti, dal 37 al 40, crea altre due occasioni. La prima nasce da un tiro di Keita che colpisce un difensore, la palla si impenna e viene colpita da Manè in rovesciata: Sarebbe stato un gol fantastico! La seconda invece viene da una bella triangolazione che mette Fabinho in condizione di calciare a colpo sicuro, ma il suo tiro viene deviato in corner da un difensore. Si conclude il primo tempo a reti bianche, ma con i tedeschi in grossa difficoltà. Il secondo tempo purtroppo non è all’altezza del primo e fa registrare una sola occasione degna di nota, il colpo di testa in tuffo di Manè che per poco non sorprende Neuer sul suo palo. La partita è difficile per i Reds che sbattono continuamente contro la solida difesa del Bayern, che riesce a difendersi con ordine grazie all’ottima prestazione di Kimmich, Hummels, ma soprattutto Martinez e tenta di rendersi pericoloso in contropiede con la velocità di Gnabry e Koman. Il Liverpool dimostra ancora una volta di soffrire le squadre che si chiudono e neanche l’ingresso di Origi al 75 sortisce effetti. Da segnalare inoltre la serata non felicissima di Firmino che dopo 20 minuti ottimi si spegne e soprattutto di Salah, mai incisivo questa sera. Forse il risultato più giusto sarebbe stato l’1-0 per i Reds, ma lo 0-0 finale lascia ancora aperto il discorso qualificazione. Il Bayern non giocherà una partita così difensiva in casa, inoltre dovrà aprire più spazi al contropiede degli uomini di Klopp. Adesso però testa all’Old Trafford, perché domenica sarà una giornata decisiva e sarà vietato sbagliare.

di Armando Todino

Comments

comments