donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Liverpool 5 – Watford 0: i Mighty Reds ritrovano la strada maestra!

Grandissima prestazione del giovanissimo Trent-Alexander Arnold



Tre punti fondamentali dei Reds, conditi da una prestazione convincente, un gioco fluido e un’intesa magistrale di tutta la squadra. Si rimane a +1 sul City, vincente di rigore sugli Hammers, ma il Liverpool ne esce afforzato da questo 28° turno di Premier League. Si è finalmente rivisto il gioco Rock’n Roll di Klopp, quello che ha contraddistinto le migliori prestazioni sotto la sua guida, e che sembrava essersi inceppato da un po’. Ottima anche la prova difensiva, con un lavoro corale di tutta la squadra; il Watford non è sicuramente una squadra cuscinetto, ha buona organizzazione e tasso tecnico, e si è presentato ad Anfield per giocare la sua partita e fare punti. Ma quando il Liverpool si ricorda che è il Liverpool, non ce n’é per nessuno.

La Partita. La line-up dei Reds presenta solo due cambi rispetto a quella vista ad Old Trafford domenica scorsa: fuori Henderson e Firmino, dentro Arnold e Origi, con Milner che ritrova il suo posto a centrocampo. Il Watford si schiera con un classico 4-4-2 per chiudersi e ripartire. Approccio subito deciso del Liverpool, che cerca di schiacciare l’avversario, inizialmente molto attento a non concedere spazi. Appena si accende la catena di destra, si sblocca la partita: Milner libera al cross Arnold, che mette un pallone d’oro sulla testa di Mané, palla all’incrocio dei pali e urlo liberatorio di Anfield. I padroni di casa prendono coraggio e iniziano a macinare occasioni, nate soprattutto dalla fascia destra. Il gol del 2-0 é un’altra perla sull’asse Arnold-Mané: azione insistita dei Reds, cross che libera l’attaccante senegalese, il quale si inventa un fenomenale tacco spalle alla porta. Sesto gol nelle ultime sei partite per il numero 10. Gli ospiti spesso non riescono a ripartire grazie alla formidabile cerniera di centrocampo, e quando ci riescono, ci pensano Van Djik e Matip; da sottolineare una ottima chiusura di quest ultimo su una pericolosa ripartenza degli Hornets. A rendersi piú pericoloso, peró, é ancora il Liverpool, che colpisce un palo con Salah, crea un’altra ottima occasione con Milner, e cucisce delle ottime trame corali. Il secondo tempo inizia con i padroni che gestiscono e gli ospiti che cercano, invano, di rendersi pericolosi. Ci pensa Divocķ Origi, apparso in ottima forma, a sigillare il match con una bella azione personale che lo porta ad accentrarsi da sinistra e a infilare la palla in buca d’angolo. La gestione sul 3-0 é magistrale, ma l’armata rossa non ne ha ancora abbastanza: si prende i suoi strameritati momenti di gloria Virgil Van Djik, con due splendide incornate su assist di Trent Alexander Arnold (terzo assist della serata) e dell’instancabile Robertson. Miglior prestazione del 2019. Quando si gioca così bene, anche i singoli si esaltano: Salah sembra tornato quello che conosciamo, i terzini macinano chilometri e fanno benissimo le due fasi, Fabinho giostra perfettamente il possesso a tutto campo e recupera palloni importantissimi, così come Wijnaldum e Milner. La condizione fisica sembra essere molto buona, smaltite le tossine del richiamo di preparazione. Il Liverpool c’é.

VVD autore della sua prima doppietta con la maglia dei Reds

Dieci finali. Ora è il momento di portare il Rock’n Roll anche dall’altra parte di Stanley Park, per l’attesissimo derby del Merseyside. Sará la prima delle 10 partite che porteranno alla conclusione di questa fantastica e logorante stagione. Una stagione che è stata a tratti esaltante, come dimostrano i tanti primati raggiunti dalla squadra di Klopp. Ma con i record non ci si fa niente. Ora c’è da focalizzarsi partita per partita. Anzi, finale per finale. Make us proud of you Reds!

 

Tabellino

 

Liverpool: Alisson, Arnold, Matip, Van Djik, Robertson, Milner (70’ Henderson), Fabinho, Wijnaldum(84’ Keita), Mane (78’ Lallana), Origi, Salah.

Watford: Foster, Jamaat, Cathcart, Mariappa, Masina, Hughes Doucoure, Capoue, Pereyra (84′ Sema), Deeney (73′ Gray), Deulofeu (73′ Cleverley)

Marcatori: 9’ e 20′ Mane, 66′ Origi, 79’ e 81′ Van Djik

Ammoniti: Cathcart, Masina

 

di Gioele Putzolu

Comments

comments