donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

LFC Official Twitter
OLSC Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

La vera stella siamo noi!!!

Dopo l’orrenda partita di Napoli, che ha rimesso in discussione molte cose nel girone, il Liverpool stasera era chiamato al riscatto immediato contro il fanalino di coda Stella Rossa, squadra decisamente mediocre con la quale bisogna fare assolutamente 6 punti per mettere il girone sul binario giusto. La formazione schierata da klopp per l’occasione è, come prevedibile, molto offensiva con Shaquiri  che affianca i tre tenori. Il centrocampo invece è affidato alla coppia Wijnaldum, Fabinho, mentre i 4 davanti ad Alisson sono Van Djik, Gomez, Robertson e Arnold. La partita inizia con un ritmo non altissimo, che favorisce l’atteggiamento rinunciatario dei serbi. La prima occasione capita dopo 10 minuti, quando Shaquiri con un bel campanile pesca Salah, che solo davanti al portiere sbaglia lo stop e perde l’attimo decisivo consentendo a Borjan di ritrovarsi la palla comoda tra le braccia. Per fortuna il vantaggio tarda di soli 10 minuti: palla splendida di Shaquiri per Robertson che dalla sinistra crossa basso in area per Bobby Firmino, che all’altezza del dischetto stoppa e fulmina Borjan. Reds in vantaggio con il minimo sforzo alla prima azione in velocità. Passano 4 minuti e dalla stessa fascia, questa volta dai piedi di Manè, arriva una bella palla al centro, ma Salah di piatto colpisce malissimo. Sembra un’altra partita grigia di Salah che, dopo aver sbagliato un gol già fatto sebbene in fuorigioco e aver addirittura sbagliato a battere un corner, si rifà proprio all’ultimo minuto segnando il gol del raddoppio: il sempre ottimo Wijnaldum apre per Shaquiri, bel tocco dello svizzero per Salah che in area questa volta fulmina  Borjan.Si chiude il primo tempo con un rassicurante doppio vantaggio e la netta sensazione che la Stella rossa difficilmente potrà riaprire il match. Liverpool che senza strafare segna due gol e mette al sicuro il match con il piglio della squadra consapevole della notevole superiorità tecnica sugli avversari. Inizia la ripresa e dopo soli 4 minuti Manè si procura un penalty, meno evidente rispetto a quello su Firmino vistosamente trattenuto un minuto prima. Sul dischetto va Momo Salah, che trasforma con autorità, 3-0 e gara virtualmente chiusa. A questo punto i Reds rallentano e al minuto 68 l’ottimo Shaquiri lascia il posto a Lallana, bisognoso di altri minuti di rodaggio, mentre al 73 Sturridge subentra a Salah. Passano 2 minuti e un ingenuo fallo di mano in area viene sanzionato con il secondo rigore per il Liverpool, ma dal dischetto Manè si fa ipnotizzare da Borjan, che devia il tiro sulla traversa. Sadio però si riscatta dopo 5 minuti: ancora il supremo regista Wijnaldum dà il via all’azione, palla per Sturridge che serve Manè, che controlla e insacca. Un minuto dopo ci divoriamo un’altra occasione con Lallana che, lanciato verso la porta, entra in area e centra in pieno il portiere in uscita. I minuti finali sono pura accademia con Sturridge e Manè che vanno vicini al quinto gol, ma va bene così. Vittoria prevista e raggiunta, ora bisogna completare l’opera a Belgrado e il più sarà fatto.

Armando Todino

Comments

comments