donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

LFC Official Twitter
OLSC Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

It’s derby time

Il gol fantastico di Salah che ci porto avanti nel derby della scorsa stagione.

Dopo un amaro turno europeo, il Liverpool torna in campo per giocarsi una partita diversa da tutte le altre. Ad Anfield arrivano i dirimpettai di Stanley Park, per dar vita al derby del Merseyside numero 232. Una delle stracittadine più antiche della storia del calcio, nella città che, in totale, conta più titoli nazionali di tutte le altre nella terra di Albione. Un match dal sapore particolare anche per chi non abita a Liverpool ma nutre un amore particolare per la città, oltre che per il Liverpool Football Club. La banda di Klopp arriva al match con qualche scoria dalla serata del Parc des Prinses, ma la squadra dovrebbe giovarne in termini di cattiveria agonistica da mettere subito in campo. “Non abbiamo bisogno di ulteriori motivazioni” – ha dichiarato il tecnico tedesco nella conferenza pre-gara – “non siamo contenti di ciò che è successo a Parigi, e se sei arrabbiato non vedi l’ora di tornare in campo. Contro l’Everton metteremo in campo questa voglia”. D’altra parte, i Toffees avranno sicuramente intenzione di rovinare la festa ai cugini, che arrivano da imbattuti in campionato e in lotta per la leadership della classifica.

Il primo gol di Virgil Van Dijk con la maglia dei Reds fu proprio contro l’Everton.

La formazione iniziale non è affatto scontata: da una parte occorre verificare chi ha risentito di più dell’intensa partita di mercoledì, dall’altra bisogna affrontare le assenze dello squalificato Henderson e le condizioni non ottimali di alcuni assenti di lungo corso. Probabilmente in difesa tornerà Trent Alexander Arnold, mentre a centrocampo uno tra Keita e Fabinho dovrebbe avere la chanche dal primo minuto. In attacco, vedremo se Klopp si affiderà al solito trio, o se ci saranno sorprese già dall’inizio. Il tecnico dei Blues, invece, dovrebbe poter contare sulla rosa a pieno organico e schierare la formazione tipo. Gli spauracchi più pericolosi per Van Dijk e compagni saranno l’attaccante brasiliano Richarlison, e il fantasista Islandese Sigurdsson, autori di una discreta stagione sinora. La squadra non sembra nel suo miglior periodo di forma, ma quest’anno si è visto più volte come, anche nelle difficoltà, i Reds siano riusciti ad ottenere risultati positivi, soprattutto in campionato. Ma è fondamentale cercare di entrare in condizione il prima possibile: A dicembre ci sarà il solito e tour de force della Premier League, a cui si aggiunge la fondamentale sfida col Napoli, decisiva per il proseguimento della stagione. Ad ogni modo, una partita come il derby non si gioca solo con le gambe e con la tattica. Ci sarà bisogno di mettere grinta su ogni pallone. Sicuramente dalla Kop e da tutto Anfield arriverà il sostegno giusto per giungere all’obbiettivo di giornata: dimostrare che Liverpool è Red, ancora una volta.

 

di Gioele Putzolu

Comments

comments