donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Beatles Places, di Pino Lo Giudice

Impagabili da questo punto di vista sono stati gli incontri con Bill Smith, membro fondatore dei Quarrymen, che mi ha raccontato diversi aneddoti su John Lennon studente della Quarry Bank High School for Boys e con Sam Leach, il loro primo promoter, da John definito come “Il cuore pulsante del Merseybeat.”
Una cosa che capita spesso a noi tifosi dei Reds è trascorrere un weekend nella città che è stata definita dal filosofo Jung come “The pool of life” per assistere ad una partita del Liverpool ad Anfield; potrebbe anche essere l’occasione per una visitare i luoghi beatlesiani, per cui vi propongo alcuni itinerari: due di questi riguardano il centro città dove vi sono diverse locations che possono essere visitate comodamente facendo una bella passeggiata.
Prendendo come riferimento l’Adelphi hotel, poco distante dalla stazione ferroviaria di Lime street, risaliamo Mount Pleasant dove al numero 64 c’è l’edificio in cui Johyn e Cynthia si sposarono nel 1962; poco più in su, sulla sinistra c’è Rodney street: al numero 4  nacque Brian Epstein, il leggendario manager dei Beatles.
Riprendiamo Mount Pleasant e in cima alla via raggiungiamo la cattedrale cattolica che segna anche l’inizio di Hope street alla cui estremità opposta si trova quella anglicana.
Dando le spalle alla cattedrale, due traverse dopo sulla sinistra troviamo la John Moore University (una delle tante presenti a Liverpool) ma soprattutto il luogo su cui sorgeva il Liverpool Maternity hospital in cui nacque John Lennon. Il 9 ottobre del 2000 è stata scoperta una plaque commemorativa che ricorda anche la madre Julia Stanley.
Adesso percorriamo Hope street e troviamo il Philarmonic pub, uno dei preferiti di John, da lui ricordato con nostalgia nel corso di un’intervista durante gli anni della Beatlemania.
Questo pub è famoso, oltre che per la buona birra e per l’ottimo cibo, anche per la caratteristica di avere gli orinatoi del bagno maschile in marmo, curiosità che li rende meta di visita dei tour organizzati, infatti c’è un’insegna che obbliga le signore, per ovvi motivi di privacy, a contattare il personale prima di entrare nel bagno degli uomini per ammirare questi orinatoi.
Proseguendo per Hope street, troviamo ancora sulla sinistra Falkner street dove, al numero 36, si trova il famoso appartamento segreto di Brian Epstein in cui John e Cynthia trascorsero i primi tempi del loro matrimonio per sfuggire all’attenzione dei media.

Pages: 1 2 3 4 5