donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

LFC Official Twitter
OLSC Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

E’ tutto vero…!

Salah firma la sua doppietta nella notte di Anfield

È passato quasi un giorno. Tanto mi ci è voluto per metabolizzare la partita di ieri. Dopo il sorteggio sapevamo di essere un gradino avanti alla Roma, ma mai ci saremmo aspettati un esito simile. Dopo un buon inizio della Roma, che un po’ ci ha fatto spaventare, si è visto il Liverpool, il vero Liverpool, quello delle notti migliori. Nessuno si sarebbe potuto immaginare un percorso simile in Europa, noi, partiti dalla Germania e da un preliminare per nulla scontato contro l’Hoffenheim. E invece ci siamo ritrovati non per caso in semifinale. Una gara giocata alla perfezione, con un Salah da pallone d’oro, un Firmino eccezionale e un Manè a tratti sprecone ma inarrestabile. A centrocampo Henderson e Milner hanno corso come degli indemoniati, annullando i giocatori della Roma che sono tutto fuorché deboli. Dietro il solito Van Dijk ha dimostrato ancora una volta che i soldi spesi per lui sono stati quasi un affare. Robertson e Arnold, due moti perpetui per tutta la partita. I peggiori? Karius e Lovren. Il primo ha giocato un’ottima gara, macchiata da un intervento goffo che ci poteva costare caro. Per il secondo il discorso è simile: partita perfetta, ma con un “ma” che pesa. In ogni caso il risultato finale, di 5-2, è fantastico. Con un vantaggio che se lo dovessimo sprecare ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli per un anno intero.

Un gara a tratti perfetta.

Novanta minuti che ricorderemo a lungo, un dominio incredibile con un Salah a un livello strepitoso. Da pallone d’oro? Probabilmente si, anche se non lo vincerà. I suoi ex compagni non l’hanno mai preso. Due gol da darsi un pizzicotto e due palloni serviti ai compagni solo da depositare in rete. Uno spettacolo. Anche in una sera così ci sono delle note negative. Non cito i due gol subiti. Il bottino, nonostante un inevitabile calo nel finale, è importante, ci avremmo messo la firma e non possiamo permetterci di scialacquarlo. Cito invece l’infortunio di Ox, che probabilmente lo costringerà a finire la stagione in infermeria e gli impedirà di giocare i Mondiali. Inoltre, e non può essere altrimenti, il nostro pensiero al tifoso ignobilmente accoltellato. Una persona che si è trovata nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Speriamo che tutto vada per il meglio e che possa continuare a cantare il nostro “You’ll never walk alone” su tutti i campi d’Europa!!!

di Gianluca Pusterla

Comments

comments