donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

LFC Official Twitter
OLSC Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

All in Paris…

Virgil van Dijk sempre più leader della nostra retroguardia.

Quella di questa sera contro il Paris Saint Germain è una partita fondamentale per il futuro del Liverpool in Champions League. In caso di vittoria contro i transalpini infatti, i Reds staccherebbero il pass per gli ottavi di finale in un girone davvero complicato: se dal Parco dei Principi dovesse invece arrivare un pareggio o una sconfitta, i giochi sarebbero rimandati all’ultima giornata, quando la banda di Klopp affronterà ad Anfield il Napoli di Ancelotti. Questi sono le conseguenze della disastrosa sconfitta di Belgrado, in cui la Stella Rossa è riuscita a portare a casa la prima, e probabilmente anche ultima, vittoria in questa campagna europea. Tornando all’appuntamento del Parco dei Principi, per Klopp il dubbio principale riguarda il modulo con cui affrontare i francesi: affidarsi al classico 4-3-3 o puntare sul 4-2-3-1, questo il dilemma del tecnico tedesco.

Il dubbio di Jurgen Klopp

Nel primo caso spazio a tre centrocampisti tra Naby Keita, Henderson, Milner, Wijnaldum e Fabinho, con il classico tridente offensivo composto da Salah, Firmino e Mané: il senegalese, nonostante l’influenza avuta nei giorni scorsi, dovrebbe esserci e partirà dal primo minuto. In caso di 4-2-3-1 Klopp potrebbe inserire Shaqiri al posto di uno dei tre centrocampisti, un assetto probabilmente troppo offensivo per affrontare il PSG. In difesa non dovrebbero esserci sorprese, con il quartetto composto da Alexander-Arnold, Gomez, Van Djik e Robertson davanti ad Allison: non è da escludere, però, l’inserimenti di Lovren al posto del terzino classe ‘98, con lo spostamento di Gomez sulla fascia destra.

di Cesare Ragionieri

Comments

comments