donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

OLSC Twitter
LFC Official Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Adunata

 

Adunata

Il messaggio che questa settimana ha girato veloce nei social tra i tifosi della Kop è abbastanza chiaro: Adunata. Sabato tutti dentro lo stadio presto e sostegno già prima del fischio d’inizio; da qui a maggio, Anfield deve fare la differenza come e quanto i giocatori. Il momento non è dei migliori. Niente di grave sia chiaro ma i troppi spettri del passato ingigantiscono i problemi che esistono ma non sono irrisolvibili. I due pareggi consecutivi con Leicester e West Ham, poi, pendono dalla parte del bicchiere mezzo vuoto ma nulla è perduto. Lo dice la classifica: se il Manchester City non avesse giocato una partita in più sarebbe ancora dietro di tre punti. Lo dice la stessa squadra di Guardiola: forte, fortissima, ma anch’essa imperfetta. Non dimentichiamo la sconfitta di dieci giorni fa a Newcastle, impronosticabile alla vigilia. Cosa significa? Nulla. Semplicemente siamo lì e ce la giochiamo, siamo lì e siamo di nuovo pronti ad una lunga battaglia.

COYR

COYR

C’è solo da ricominciare dalle certezze, fare leva su quelle per tornare ad ingranare una marcia veloce in attesa di quella primavera che quest’anno più che mai sarà decisiva.
La prima certezza di qualunque Liverpool, lo sappiamo, è sempre Anfield; quello vero delle notti più belle, quello che ha più fame di tutti, quello che attira la palla in rete quando i Reds attaccano.
La partita in casa col Bournemouth cade a fagiolo e The Cherries sembrano l’avversario ideale per il momento: squadra di metà classifica, in una tranquilla situazione di punti. Impegno strettamente da non sottovalutare perchè mancare anche questi vittoria aprirebbe scenari a cui nemmeno vogliamo rivolgere il pensiero; ma impegno oggettivamente più morbido rispetto agli ultimi due.

Un’altra certezza da recuperare: i nostri giocatori, speciamente gli infortunati; domani Trent Alexander-Arnold dovrebbe finalmente riprendere il posto sulla fascia mentre ancora poche possibilità di giocare per Wijnaldum ed Henderson.
L’infermeria è piena e il mercato non ha portato nessun volto nuovo; recuperare quindi quanti più giocatori possibili prima dell’accavvallarsi dell’impegno di Champions League col Bayern Monaco diventa vitale per il proseguo della stagione.
La frenatina (chiamarla frenata o addirittura crisi ci sembra fuori luogo) è abbastanza figlia di questi infortuni a ripetizione, oltre che di una condizione fisica non ottimale probabilmente legata al richiamo di preparazione effettuato a Dubai.
Adesso, è il momento di accelerare. Dopo il Bournemouth e la pausa si entrerà nel vivo della stagione e lì davvero gli errori costeranno molto più di quanto fatto fino ad adesso.
Adesso, è il momento di fare il Liverpool. Da oggi a maggio.

di Dario Damico

Comments

comments