donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

LFC Official Twitter
OLSC Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

The Rising

Siamo alla vigilia della sfida ad Anfield contro l’Huddersfield Town, una sfida delicatissima, sia per il momento dell’avversario (reduce dalla meritata vittoria contro il Manchester United), sia per il momento nostro, reduci da una disfatta che va ben oltre la sconfitta sul campo. La sconfitta contro il Tottenham è stata devastante, un cataclisma che ha colpito la classifica, la mente, e il morale. Una sconfitta pesante nel punteggio, pesante nel modo in cui è arrivata, ovvero con un avversario che con troppa facilità si è fatto beffe di quello che ormai è chiaramente uno dei peggiori reparti difensivi d’Europa. La facilità con cui il Liverpool cade di fronte ad avversari più forti(come il City a inizio stagione) è allarmante. Ombre lunghissime sono state proiettate sul futuro di questa stagione, e addirittura sul progetto Klopp. Tutto l’ambiente ne è uscito devastato. Si spera però che ne sia uscito anche più determinato. La partita contro l’Huddersfield Town è cruciale. L’unico risultato che ha senso, è la vittoria.

The Rising

Una vittoria che servirebbe per prendere una boccata di ossigeno.  Parlando di formazione, ovviamente sempre assente Mane, in attacco la line-up sarà chiaramente la solita: Salah, Firmino e Coutinho. Un attacco che è chiamato a sfornare una prestazione eccellente, visto che l’unico reparto che può portarci ad un risultato sereno è proprio l’attacco. Visto il momento di poca forma di Firmino, non sarebbe male giocare il tutto per tutto, e vedere se inserendo una prima punta di ruolo, come il giovane Solanke, l’attacco non migliori ulteriormente. A centrocampo pare stia recuperando Wijnaldum, che difficilmente partirà titolare, quindi la formazione più probabile è quella che vede Henderson in mezzo a Can e Milner. La tragedia arriva quando si parla del reparto arretrato. Abbiamo un Matip che è insostituibile, nonostante, suo malgrado, le sue prestazioni siano influenzate drammaticamente dalla mediocrità generale. Abbiamo un Gomez che soffre tutta la sua giovane età in questo periodo di crisi, ma che attualmente è l’unico giocatore schierabile in quel ruolo.

Lovren nell’occhio del ciclone…

E poi abbiamo la nota più dolente: Lovren, che si è rivelato assolutamente inadeguato a questi livelli(come per esempio l’ultima partita, in cui è stato il più forte giocatore del Tottenham, tanto che Klopp è stato costretto a toglierlo al 30° del 1° tempo), e il cui sostituto è Klavan, ancora più inadeguato. Di positivo c’è che giochiamo ad Anfield. E che il Liverpool è una squadra che per sua natura non si arrende neanche dopo sconfitte così terribili. Abbiamo tutte le carte in regola per vincere questa partita, e abbiamo avuto una settimana per riposarci. E’ il momento di ricominciare a correre.
                                                                                                                di Alessandro Tulin

Comments

comments