donazioni

Iscrizioni Liverpool Italian Branch

Annunci

LFC Official Twitter
OLSC Twitter
This Is Anfield
I Nostri Articoli

Liverpool: in fuga dalla Morte Nera della Catalunya…

Domani, alle 13.30, al Vicarage Road di Watford inizia l’avventura in Premier League del Liverpool.
L’Estate è vissuta dal fan solo come un preludio, spesso noioso, al match di apertura della stagione.

L’attesa per il calcio d’inizio stavolta si è rivelata più stressante e irritante del solito per chi ama LFC, a causa di queste saghe di mercato: interminabili ed estenuanti, come una Soap di serie B.
I dispetti infantili dei Saints al Liverpool, pur di non vendere Virgil Van Djick, e le sparate pseudo-razziste di Ralf Ragnick, direttore tecnico del Lipsia e noto “scemo del villaggio”, contro Naby Keita e i suoi connazionali della Guinea, sono fatti ben noti ai fans del Pool, avidi lettori di Newsnow.

Ralf Ragnick, ex allenatore dell’S04 ed attuale DT del Lipsia, ha descritto l’isola di Guinea come una sorta “di villaggio poco meno precisato e alquanto tribale che tifa Liverpool e quindi desidera il trasferimento di Keita al Liverpool”: questi i suoi pensieri illuminati, più o meno romanzati dal mio precario senso dell’umorismo.

Nulla però è paragonabile “all’affaire Coutinho”.

Il Barca, famoso per le “disinvolte” previsioni di bilancio e fideiussioni bancarie praticate e permesse in Catalunya, nonchè per i suoi titoli conquistati in campo, ha sfoderato tutta la sua potenza di fuoco mediatica interplanetaria per trasformare il Liverpool Football Club in carne da macello, tutto perchè Cou è l’uomo designato per sostituire Neymar e quando è così non c’è verso: come il bimbo di 4 anni che desidera il giocattolino, il Frodellona piange, sbraita, fin tanto che non ha ottenuto ciò che vuole.

Per giorni e giorni e giorni, le parole “Coutinho, Liverpool, Barcellona”, probabilmente avranno sfondato la classifica di Google Trends. Non è stato possibile sfogliare le pagine sportive di Inghilterra, Spagna, persino Italia, senza trovare un articolo che riportasse, da fonti più o meno attendibili, “l’affare come praticamente fatto”. In poche parole è venuto fuori tutto e il contrario di tutto: “COutinho vuole il Barcellona”, poi “Coutinho resta al Liverpool”, poi ancora il Barcellona vuole Dembelè”, anzi no, “il Barcellona vuole sia Dembelè che Coutinho”.

Il Barcelona è come una sorte di Morte Nera del Football, capace con il suo raggio traente di attrarre talentuosi brasiliani e sudamericani di ogni risma dentro il suo “hangar”.In questi giorni il Pool è apparso più come una piccola nave in fuga disperata.

Adesso finalmente, per un pò, possiamo interrompere la nostra fuga, al Vicarage Road, per il sollievo di tutti noi.

Tutte le nostre speranze, i nostri sogni, le nostre aspettative, alleggieranno in quello stadio poche miglia a Nord-Ovest di Londra.

Team News

Klopp conferenza stampa pre-Watford

C’è da scommettere che le notizie del Mirror, che esclude Cou dal match di South London per un problema alla schiena, intensificheranno la marea di articoli pro-barca.

Pazienza, la nostra concentrazione ed attenzione sarà sulla partita.

Mirror ed IBT confermano un 4-3-3 iniziale, che include un centrocampo Henderson – Can – Gini, quest’ultimo con compiti più offensivi.

In difesa Alexander Arnold sostituisce Nat Clyne, ancora alle prese con i suoi problemi di inizio stagione alla schiena. Lovren, Matip e Jimbo Milner dovrebbero completare la linea difensiva, pur se l’inglese di Leeds viene indicato dai reports “in lotta” con Andrew Robertson per un posto in squadra. Occhio a Moreno, il quale a quanto pare è riuscito ad alzare le sue quotazioni con un’ottima pre-season.
L’attacco a tre, Firmino, Mane’ e Salah, chiude il presunto 4-3-3 di Klopp.
Salvo sorprese, dovrebbe essere questa la formazione del Pool.

Nella lista infortunati troviamo Studge, Lallana e, a quanto pare, Cou, è un invitato dell’ultima ora.

Non disponiamo ancora di notizie del Watford di Silva. Bisognerà aspettare le prossime ore prima della partita.

YNWA, Riccardo Leone

Comments

comments